Menu

Recensioni

Charlotte Gainsbourg – Irm

2010 - Warner
pop/folk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Master’s hands
2.IRM
3.Le chat du Cafè des Artistes
4.In the end
5.Heaven can wait
6.Me and Jane Doe
7.Vanities
8.Time of the assassins
9.Trick pony
10.Greenwich mean time
11.Dandelion
12.Voyage
13.La collectioneuse
14.Looking glass blues

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Charlotte Gainsbourg, figlia di Serge Gainsbourg e Jane Birkin, è giunta ormai al suo terzo album, intitolato “IRM”, termine medico che sta ad indicare la risonanza magnetica a cui la cantante si dovette sottoporre a causa di un emorragia cerebrale, dovuta ad un incidente di sci nautico, avvenuto nel 2007.

Insomma, come avrete già potuto dedurre, l’abum in questione non è certo un disco di musica leggera, positivo e pieno di luce. L’angoscia, l’ansia, le atmosfere dark, non mancano di certo in questo nuovo lavoro della Gainsbourg. A rendere il tutto un po’ meno pesante però, ecco giungere in aiuto una grande ed importante collaborazione, quella con Beck. Il primo singolo estratto, infatti, s’intitola “Heaven can wait”, che vede, la solita eterea Charlotte, alle prese con un pezzo molto divertente e leggero insieme al mitico Beck. Il brano in assoluto più bello e che più rappresenta l’essenza di questo affascinante album però, è, a mio modesto parere, “Vanities”, triste e malinconico al punto giusto. Molta elettronica in questo terzo lavoro della Gainsbourg, a conferma del fatto che la cantante, è sempre molto attenta alle nuove tendenze.

Non vi saprei dire con esattezza se “IRM” si potrà definire il miglior disco di Charlotte, superando anche il precedente “5.55”, decisamente molto più lieve e raffinato, ma so per certo che l’ascolto di questo album vi farà trascorrere dei momenti veramente piacevoli, facendovi compiere un viaggio introspettivo dentro voi stessi e nei meandri del sussurrato mondo di Charlotte. In una parola: Intrigante, come lei, d’altronde.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close