Menu

Recensioni

Gorillaz – Plastic Beach

2010 - Parlophone
hip-hop/dub/electro

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Orchestral Intro (featuring Sinfonia ViVA)
2.Welcome To The World Of The Plastic Beach (feat. Snoop Dogg and Hypnotic Brass Ensemble)
3.White Flag (feat. Kano, Bashy and The National Orchestra For Arabic Music)
4.Rhinestone Eyes
5.Stylo (feat. Bobby Womack and Mos Def)
6.Superfast Jellyfish (feat. Gruff Rhys and De La Soul)
7.Empire Ants (feat. Little Dragon)
8.Glitter Freeze (feat. Mark E Smith)
9.Some Kind Of Nature (feat. Lou Reed)
10.On Melancholy Hill
11.Broken
12.Sweepstakes (feat. Mos Def & Hypnotic Brass Ensemble)
13.Plastic Beach (feat. Mick Jones & Paul Simonon)
14.To Binge (feat. Little Dragon)
15.Cloud Of Unknowing (feat. Bobby Womack and Sinfonia ViVA)
16.Pirate Jet

Web

Sito Ufficiale
Facebook

In barba a chi si era bevuto i suoi declami su un possibile scioglimento del gruppo, a chi ha sempre sostenuto che dietro alla band ci sia un fitto entourage che produce i loro dischi o a chi semplicemente non li ha mai digeriti, l’ex Blur Damon Albarn ha riportato sulla scena mondiale la sua creazione animata in due dimensioni con “Plastic Beach”, un disco pop nell’accezione più letterale del termine.

Non necessariamente da intendere come un concept album, il terzo lavoro in studio dei Gorillaz è un misto di dub, elettronica, hip-hop e, per l’appunto, tanto tanto pop; di quello che scarti e consumi senza prestare troppa attenzione ai particolari. “Plastic Beach” riprende sonorità dance figlie degli anni ’80, le mischia a chitarre sixties e si circonda del meglio degli esponenti della scena hip-hop, rock e soul mondiale.
Il pezzo che apre le danze è un overture che fonde insieme sonorità ambient a musica sinfonica, sono i titoli di testa di una festosa opera a colori che tocca gli apici in “Superfast Jellyfish” – in cui il rap dei De La Soul si unisce al ritornello intonato da Guff Ryhs che suona tanto jingle pubblicitario – “Some Kind of Blue”, con la partecipazione di un impeccabile Lou Reed e la title track con Mick Jones e Paul Simon. I Gorillaz non sbagliano neanche i pezzi più melodici in cui mischiano le loro costruzioni musicali a sonorità folk.

Un’orgia di colori, suoni, snyth, raggi laseri, fanno di “Plastic Beach”, a differenza dei precedenti lavori, in cui oltre ai singoli non ricordo brani memorabili, un album di canzoni quasi tutte riuscite.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close