Menu

DEVENDRA BANHART: in Italia anche a luglio

DEVENDRA BANHART
& The GROGS
+
OS MUTANTES

mercoledì 14 luglio 2010 – Milano – Villa Arconati

In aggiunta alle due date annunciate per giugno, Devendra Banhart torna in Italia a luglio per presentare, oltre ai brani dei lavori precedenti, il nuovo album WHAT WILL WE BE, uscito in Italia su etichetta Warner Bros in una imperdibile serata che sarà aperta dall’atteso live dei mitici OS Mutantes, finalmente in Italia con un nuovo album dopo oltre 30 anni!

Devendra Banhart si è imposto sulla scena musicale nel 2002, catturando velocemente l’attenzione di un gran numero di fan e della stampa musicale internazionale. Il suo nuovo lavoro intitolato WHAT WILL WE BE, primo album su etichetta Warner Bros. Records è stato registrato in una sonnolenta città della California del nord durante la primavera del 2009 e co-prodotto da Paul Butler (Band Of Bees).

La line-up di base vede Devendra alla voce e chitarra accompagnato da Noah Georgenson (Little Joy, Bert Jansch, Joanna Newsom e produttore degli ultimi due album di Devendra) alla chitarra e cori, Greg Rogove (Priestbird) alla batteria, Luckey Remington (The Pleased) al basso e voce e Rodrigo Amarante (Los Hermanos, Little Joy) alla chitarra e cori. Tutti i musicisti coinvolti hanno preso parte all’arrangiamento dei brani di WHAT WILL WE BE.

Questo nuovo album esprime una freschezza e una radiosità inedite ed è dominato da brani potentemente melodici e mid-tempo suonati con rilassata maestria. Altra caratteristica è una certa ambizione stilistica dimostrata dall’inserimento di ballate evanescenti come “Meet me at the lookout point”, o da brani decisamente più rock come “Rats” o dal vivace groove R&B di “Baby” o, ancora, dalla sensuale e latineggiante “Brindo” o da “16th & Valencia” ispirata ai Roxy Music.

WHAT WE WILL BE è il secondo album che Devendra registra con lo stesso gruppo di musicisti e l’affiatamento risulta evidente nel suono confortevole, familiare e naturale. Un lavoro schietto, ispirato e originale in cui gli arrangiamenti vocali sono notevolmente più intricati di quelli degli album precedenti, pur rimanendo cristallini e armoniosamente ricchi.

www.devendrabanhart.com


Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Close