Menu

Recensioni

Yokoano – Yokoano

2010 - Canapa Dischi
punk/rock/jazz/prog

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Vengo dal vuoto
2. Uomo
3. Voglio la Guerra
4. Kinder
5. Qui
6. Mai
7. Paco Bomba
8. In Alto Mare
9. Fatto
10. Buonanotte
11. Shhhhh

Web

Sito Ufficiale
Facebook

‘Shhh’, date un megafono spento al mondo. ‘Buonanotte uomo’, soffocato da un fumo di plastica. Il sonno duraturo dell’essere umano che più non sogna e perde, come bava mista ad ideali bruciati, la voglia di svegliarsi e volare via come il vento. Ma uomo, umanoide fallito. ‘Alieno’, come puoi non dar voce alle note del vento? Polifonia di suoni uccisi.Intro veloci. Sono i moniti, i consigli crudeli e schietti che pompano a manetta tra gli strumenti e le corde vocali ubriache degli Yokoano.

‘Io son senza pietà’ ed ‘Io mi son fatto di me’, poiché tutto quel che vedo sono uomini in alto mare, ‘fatti di merda e gloria’ che non possono salvarmi dal pianeta in cui mi hanno vomitato. Proprio come rigetti a qualcuno probabilmente indigesti, i Punkreas secernono tramite Canapa Dischi, loro etichetta,una bile nera originale ed indefinibile dal nome Yokoano. Chiunque ascolti questo disco, tra l’altro il primo disco e omonimo del gruppo,  avrà come l’impressione di esser trascinato per i capelli nel limbo grigio, chiamato vita.
Gli Yokoano sono senza pietà. La cella quattro per quattro dell’essere [dis]umano. E’ vuoto e nasce dal vuoto ,’vengo dal vuoto,vuoto,vuoto,vuoto’, interrotto da un urlo cattivo. L’uomo é il buco dell’ozono di questo mondo, é un feto che si nasconde beato in un liquido amniotico che non esiste.
‘Libero!Libero!’nel mondo voragine.
Gli Yokoano urlano la libertà e mai la smentiscono.’Ahahahahahahah’, diabolica risata amica in pezzi come ‘Mai’, segna la prossima fine del mondo. Non v’é tempo per ridere, non v’é tempo per morire. E mai,mai,mai ‘sarò un’isola in fondo al mare o sangue seccato al sole’, quasi a ricordare che gli umanoidi altro non sono che meraviglie trasformate in burattini nelle mani dei potenti.
‘L’isolato di un mondo malato’,il cantuccio caldo fuori dalle porte dell’universo, gli Yokoano ricordano a noi tutti che la felicità esiste fuori dalle porte della vita. ‘Voglio la guerra,niente di più!Voglio il tuo sangue!’, il soldato ha una piaga in gola e continua a sparare. Io mi amo,io mi odio,io do’ fuoco al mio ideale. Sono schegge di vita e orecchie,che ascoltano ‘l’occhio di un cane’ ,sono gli Yokoano.

Un disco puntiforme,simile ad un cantastorie del moderno medioevo che mescola insieme punk,metal,jazz e giunge sino al prog. Imperdibile se vogliamo sentirci protagonisti di un disco speciale, per la prima volta.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close