Menu

Recensioni

M.I.A. – /\/\ /\ Y /\ (Maya)

2010 - XL
hip-hop/electro

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. The Message
2. Steppin Up
3. Xxxo
4. Teqkilla
5. Lovalot
6. Story To Be Told
7. It Takes A Muscle
8. It Iz What It Iz
9. Born Free
10. Meds And Feds
11. Tell Me Why
12. Space
13. Internet Connection
14. Illygirl
15. Believer
16. Caps Lock

Web

Sito Ufficiale
Facebook

C’è modo e modo di pensare mainstream, di guadagnare soldi, di scalare le classifiche, di far parlare di sè nei modi più beceri e disparati. M.I.A. ci riesce senza perdere la propria anima e la propria animosità, senza smettere di pescare nel proprio multietnico e multicolorato calderone, che è un po’ la sua vera e meravigliosa essenza. Semmai, in questo terzo disco “Maya”, scritto “/\/\ /\ Y /\”, l’anglo-cingalese, che sembra ormai aver raggiunto le vette di una patinata guerrilla senza precedenti, affina le proprie armi e va quasi oltre l’elettroclash irremediabilmente contaminato dei precedenti lavori.

Il disco è un adrenalico collage di frammenti e schegge variegate, probabilmente la ricetta più adatta per accontentare e accomunare una volta per tutte l’immenso circuito mainstream e l’incontentabile sub-universo indie che l’ha sempre incensata a dovere.É ormai chiaro che M.I.A., unica alfiere di un crossover universale, figa quanto basta per piacere a tutti, incazzata e sveglia il giusto per pensare allo stesso tempo al terrorismo e al vil denaro senza scontentare nessuno, può permettersi di fare tutto ciò che vuole.
E così, tra i bassi pulsanti e industriali rubati con cognizione di causa ai Suicide nell’ultracensurata “Born Free” e le schitarrate da rave e post-rave di “Meds And Feds”, fa capolino “XXXO”, una di quelle canzoni che ti fa rizzare i sentimenti, che ti rimane in testa e non ci puoi fare niente, irresistibile pop in stile Lady Gaga o Christina Aguilera, rivista superlativamente anche nel remix con un sempre ottimo Jay-Z. Sulla stessa linea, a testimonianza di un’apertura sempre più evidente e convincente per sonorità anche easy, la solenne marcetta “Tell Me Way” e l’autorivisitazione in chiave caraibica “It Takes A Muscle”.

Insomma, in un climax che balla inesorabilmente tra la spigolosità totale (“Teqkilla”) e la pacatezza sempre e comunque combattiva (“Space”), “/\/\ /\ Y /\” si rivela essere nientemeno che la vera essenza della stessa M.I.A., una che non conosce vie di mezzo o convenzioni di sorta, roboante, aggressiva, geniale, esplosiva e controversa, una sorta di Lady Gaga nel confusionale mondo indie, una vera e propria bomba pop globale e globalizzata, capace di coprire e colpire in un sol colpo l’intero campionario di suoni e tendenze ad oggi in voga. E scusate se è poco.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close