Menu

Recensioni

The Pipettes – Earth Vs. The Pipettes

2010 - Fortuna Pop
pop/electro/revival

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Call Me
2. Ain’t No Talking
3. Thank You
4. I Need A Little Time
5. History
6. I Always Planned To Stay
7. Stop The Music
8. I Vibe You
9. Our Love Was Saved By Spacemen
10. Finding My Way
11. Captain Rhythm
12. From Today

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Quattro anni fa sembravano aver capito tutto della vita. Si erano presentate al mondo, e ad un panorama indie sempre affetto da fastidiose nostalgie, con la bizzarra idea di riportare in auge certe atmosfere da festini anni ’50-60, sorrisi ammiccanti e becere sceneggiate da Happy Days senza il carisma di Ricky Cunningham o il sex appeal di Artur Fonzarelli.
Che la cosa funzionasse era quasi scontata: balletti che neanche a Non É La Rai, vestitini a pois, bella presenza, video ridicolmente impressionanti e canzoni orecchiabili fino al più sporco midollo.

Erano una (contenuta) macchina da soldi, le Pipettes. Durate decisamente troppo, sulla cresta di un’onda dai travolgenti sbalzi umorali, dopo quasi 3 anni di silenzio e di comprensibili abbandoni (del nucleo originale sono rimaste le sole sorelle Gwenno e Andi Saunders) ci hanno riprovato con un disco che, intitolato “Earth Vs. The Pipettes”, suona come un tremendo ultimatum per noi tutti.
Il rischio di vederci soccombere sotto i colpi di zuccherose noticine e ritornelli smielati svanisce fortunatamente dopo qualche manciata di secondi.
Le Pipettes cercano di traslare di vent’anni in avanti, e con le dovute modifiche, le fortunate atmosfere retrò del disco precedente.
In un mare di tangibili e scontati richiami a sci-fi movie di infima categoria, “Earth Vs. The Pipettes” conferma ogni aspettativa più tragica e si presenta come un improbabile bailamme elettrodance dai contenuti tanto imbarazzanti quanto banali.
Abba (“Thank You”), Sabrina Salerno (“I Need A Little Time”), Wham (“Stop The Music”) e Claudio Cecchetto (“Captain Rhythm”) sono gli ingredienti di un terrificante frullato musicale di cui charts e pubblico probabilmente non sentiranno la mancanza.

Ma la storia della musica è strana, la gente ancora di più, e non ci stupiremmo affatto se tra un paio di decenni saranno icona indiscutibile di un trash sempre di moda. Intanto abbiamo vinto noi.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close