Menu

THE WARLOCKS: cinque date in Italia a dicembre

the

WARLOCKS(us)

Martedì 7 Dicembre – Ravenna, Bronson

Mercoledì 8 Dicembre – Torino, Spazio 211

Giovedì 9 Dicembre – Roma, Circolo degli Artisti

Venerdì 10 Dicembre – Udine, No Fun

Sabato 11 Dicembre – Firenze, Rock Contest / CONTRORADIO

Dopo anni di assenza tornano in Italia i the WARLOCKS di Bobby Hecksher.

Gli Warlocks hanno fatto della psichedelia e del rock super fuzz il proprio credo, un gruppo di culto come pochi.

The Warlocks in Italia per cinque concerti:

7 Dicembre a Ravenna, 8 Dic. a Torino, 9 Dic. a Roma, 10 Dic. a Udine

e l’11 Dic. alla Flog di Firenze per la serata conclusiva del Rock Contest di Controradio.

I the Warlocks hanno pubblicato l’anno scorso ‘The Mirror Explodes’, uscito per Tee Pee/Goodfellas.

I the Warlocks sono una delle più incensate acid rock band statunitensi, lisergici e potenti come dei Grateful Dead alle prese con delle cover dei Black Sabbath. The Warlocks fu il nome della prima incarnazione dei Grateful Dead di Jerry Garcia.

Gli Warlocks, oramai in giro da oltre un decennio, amano scorazzare per la loro California come reduci di tempeste psichiche. Ad oggi la band di Bob Hecksher ha pubblicato con ottima verve ben 5 album e due EP, divenendo portavoce ufficiale del rock psichedelico californiano.

La formazione attuale degli Warlocks conta Bobby Hecksher (lead guitar, keyboards, vocals), John Christian Rees (guitars), Ryan McBride (guitars), Jana Suzanne Risher (bass) e Bob Mustachio (drums).

Nel 2002 per il loro secondo album ‘Phoenx’ si scomodò addirittura la Mute records (proprio quella dei vari Depeche Mode, Einsturzende Neubaten e Nick Cave), e i the Warlocks divennero una delle band da tenere d’occhio. Oggi la band incide per Tee Pee records, un marchio di fabbrica in fatto di psichedelia, rock e stoner.

Il loro ultimo disco ‘The Mirror Explodes’, del 2009, è stato accolto come uno dei migliori dischi dell’anno.

‘The Mirror Explodes’ è un disco che mette ordine nella musica del combo di Los Angeles, una psichedelia quasi gentile, che non taglia completamente con il passato, pur introducendo momenti decisamente più meditabondi. Ma è una meditazione oppiacea, non abbiate dubbi… Sono otto i brani di “The Mirror Explode”, pastiglie dal conturbante effetto, che parlano la lingua di un rock stonatissimo, solo apparentemente carezzevole. C’è il consueto grado di melanconia nella musica dei the Warlocks, ma le chitarre fuzz che scalpitano in lontananza fanno sì che l’anima pop del gruppo sia spinta sempre più rovinosamente verso il baratro. La loro è una moderna ricostruzione di uno scenario sixties/seventies, fotografia distesa di quei balordi dell’arte che un tempo rispondevano ai nomi di Velvet Underground o 13th Floor Elevators.

I the Warlocks rappresentano il fiore all’occhiello del catalogo Tee Pee e della scena psichedelica californiana.

Presto gli Warlocks ripubblicheranno insieme in edizione deluxe l’omonimo Ep d’esordio e il primo full lenght ‘Rise and Fall’ (2001).

www.myspace.com/thewarlocks

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Close