Menu

Recensioni

Pj Harvey – Let England Shake

2011 - Island Records
folk/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Let England Shake
2. The Last Living Rose
3. The Glorious Land
4. The Words That Maketh Murder
5. All And Everyone
6. On Battleship Hill
7. England
8. In The Dark Places
9. Bitter Branches
10. Hanging In The Wire
11. Written On The Forehead
12. The Colour Of The Earth

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Non è un disco per i suoi fan più incalliti, né per quelli dell’ultimo minuto. Polly Jean Harvey è tornata con una dozzina di canzoni nuove e decisamente lontane sia dall’ultimo “White Chalk” (2007) sia da quel capolavoro intitolato “To Bring You My Love”(1995).

Due album diversi l’uno dall’altro ma che in fondo potrebbero aiutare a comprendere la nuova veste compositiva ed espressiva che “Let England Shake” indossa.  Al fianco della cantautrice restano i fidati John Parish, Mick Harvey e Flood, ma il centro dei suoi pensieri stavolta è la guerra, con la sua Inghilterra a far da musa. C’è una ritrovata distensione emotiva, c’è un’enfasi creativa che abbandona l’intimismo più essenziale per sposare un cantato meno urlato e maggiormente narrativo ed eclettico, evocativo ed incentrato come sempre su una poetica ambigua e spiazzante. E’ un disco ricco di influenze, ispirato dal rock come dal folk, dal blues come dallo swing dei Cinquanta. Polly Jean cambia rotta ancora una volta, individuando nella sperimentazione il miglior estro e un nuovo tessuto sonoro, fatto di chitarre ora morbide ora nervose, melodie seducenti ed episodi corali  mediorientaleggianti, sax e tromboni, voci irrequiete e a tratti fanciullesche.

Dalla title-track alla splendida “The Last Living Rose”, fino alla solenne “All And Everyone” o all’insidiosa “Bitter Branches”, il disco scorre intenso nelle sue sfumature ed affascina come farebbe una trama mistica e cruenta senza orpelli né inganni, con la certezza che a narrarla sia un’artista come PJ Harvey, fenomenale e intrigante come sempre. Le aspettative cresciute intorno a questo disco sono state soddisfatte e rispettate pienamente e ciò che ne vien fuori è la consacrazione di un talento originale e assoluto.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close