Menu

[PHOTOGALLERY]: LINEA 77 – Circolo Magnolia, Milano, 27 gennaio 2011

I Linea77, pur non avendomi convinto del tutto musicalmente, sono una delle poche band che stimo nel panorama italiano.
Li ho sempre visti in situazioni live di grandi dimensioni, festival o  come band di supporto, relegati al classico set da 30 minuti,ma mai come band headliner.
Questa sera per me è  loro prova del nove.
Prima di loro salgono sul palco due band milanesi De Peso’s e Dead like Me . I primi fanno un classico rap-core a due voci sulla falsariga dei Biohazard.
I secondi sono più diretti e melodici come se i Verdena di Valvonauta incontrassero i Sick of it all.
Ma ecco che giunge l’ora del quartetto torinese.
Noto subito che non c’è una grossa affluenza di pubblico e questo mi fa subito riflettere su come sia difficile in Italia riuscire a raggiungere il consenso se si prova a suonare qualcosa di differente dal mainstream. La cosa mi dispiace, perchè i Linea77 non se la meritano proprio, dopo anni di gavetta.
Al contrario, la band non sembra farci caso e da prova di essere forte e compatta, suonando filata per un’ora e mezza potente ed energica. Le voci di Emo e Nitto si alternano con i cori del pubblico giovanissimo che canta a memoria le canzoni. Si crea una simbiosi positiva tra band e spettatori.
La scaletta è farcita un po’ di tutti loro successi in ordine sparso. Si passa da “Vertigine” a “66” , da “Evoluzione” a “Tutto quello che ho sempre voluto”, da “La nuova musica italiana” a  “Inno all’odio” concludendo in bellezza con “Fantasma” e “Il Mostro”.
Prova superata egregiamente.

a cura di Mario Carina


Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Close