Menu

Il Venerdì

Il Venerdì Di Impatto Sonoro #20: Vaffanculo, Italia

Si inorgoglisce, e continuerà ad inorgoglirsi, questa italianissima rubrica dedicata fondamentalmente al nulla. Perchè dopo una settimana e più di fatica, abbiamo bisogno di oziare, parlare di cose di cui parleremmo in un qualsiasi bar sport globale, o seduti su una panchina tra una trentina d’anni, ma più probabilmente anche prima. Oggi si parla di Italia.
A cura di Fabio Gallato e Fabio Mascagna.

Non popolo arabo, non popolo balcanico, non popolo antico
ma nazione vivente, ma nazione europea:
e cosa sei? Terra di infanti, affamati, corrotti,
governanti impiegati di agrari, prefetti codini,
avvocatucci unti di brillantina e i piedi sporchi,
funzionari liberali carogne come gli zii bigotti,
una caserma, un seminario, una spiaggia libera, un casino!
Milioni di piccoli borghesi come milioni di porci
pascolano sospingendosi sotto gli illesi palazzotti,
tra case coloniali scrostate ormai come chiese.
Proprio perché tu sei esistita, ora non esisti,
proprio perché fosti cosciente, sei incosciente.
E solo perché sei cattolica, non puoi pensare
che il tuo male è tutto male: colpa di ogni male.
Sprofonda in questo tuo bel mare, libera il mondo
(P.P. Pasolini – Lettera Alla Nazione)

Non è un’offesa, non è vilipendio alla nazione italiana o al prestigio delle istituzioni, ma un atto d’amore. Noi ci sentiamo italiani tutti i giorni, non solo quando vinciamo i mondiali o in occasione di qualche importante anniversario. Ma questa Italia in cui viviamo ci fa schifo, l’idea di celebrare in un giovedì di marzo l’idea di “paese unito” giusto giusto per tirare avanti ci fa ancora più schifo, chè la realtà è altrove e parate, bandiere, messe e celebrazioni non ci servono a niente.
Ed è per questo che alla nostra Italia dedichiamo questo venerdì senza troppe parole, appropriandoci di parole memorabili e significative, di qualcuno più bravo di noi, qualcuno che l’Italia vera l’ha descritta con la musica e con il cuore. Che siano quelle di Pasolini o di Gaber, di Rino Gaetano o del Teatro Degli Orrori, dei CSI o di Battiato, le parole di queste 11 canzoni andrebbero appese ai nostri davanzali (virtuali o reali) proprio come quei tricolori che riempiono di improvvisato orgoglio patriottico la nostra nazione, che non c’è più.
Vaffanculo, Italia. Ma con amore.

Giorgio Gaber – Io Non Mi Sento Italiano
Io non mi sento italiano ma per fortuna o purtroppo lo sono.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=5aWYkwV-pn0[/youtube]

Elio E Le Storie Tese – La Terra Dei Cachi
Quanti problemi irrisolti, ma un cuore grande così.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=2ZkGHIF9LXw[/youtube]

Litfiba – Maudit
Di notte voglio ballare nella televisione, truccarmi da pallone e poi raccontarvi tutto

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=UCUENNrOsSI[/youtube]

Rino Gaetano – Nun Te Reggae Più
Onorevole eccellenza cavaliere senatore nobildonna eminenza monsignore vossia cherie mon amour nuntereggaepiù

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=necfujO9cEY[/youtube]

Tre Allegri Ragazzi Morti – Bella Italia
Spazio al cinema alla musica e alla cultura, basta che sia ad uso interno, praticamente spazzatura

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=XJThjiJh_w0[/youtube]

Franco Battiato – Povera Patria
Non cambierà, non cambierà no cambierà, forse cambierà.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=XtXnBL7ndqw[/youtube]

Giorgio Canali – No Pasaran
Uno Nessuno Centomila quotidiani, il non pensiero unico.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=6gOSyUQkVlI[/youtube]

CSI – Linea Gotica
La mia piccola patria dietro la Linea gotica sa scegliersi la parte, occorre essere attenti per essere padroni di se stessi

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=D5eDY3hSa2g[/youtube]

Teatro Degli Orrori – Il Terzo Mondo
Ho fame d’amore e ti desidero.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=F0XDF38b1eo&feature=fvst[/youtube]

Amor Fou – Filemone e Bauci
E di rivoluzioni uccise da punture di rose non resta molto nelle nostre discussioni, ma non vederlo come un fatto personale
è solo che da qui non ci si muove.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=lyvkjIMq3WE[/youtube]

Bonus Track: Zen Circus – Andate Tutti Affanculo
Alle donne, agli uomini ai froci vi amo, vi adoro e ricopro di baci corpi ignudi sgraziati o armoniosi perdenti per sempre perfetti per oggi.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=KPQFXPyALr8[/youtube]


Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Articoli correlati

Close