Menu

Recensioni

Minio Indelebile – Minio Indelebile

2010 - Shinseiki
grunge

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Prigione
2. Oro
3. Giustizia
4. Io Nessuno
5. Soldi
6. Scrivilo
7. Fottuta Politica
8. Videoverità
9. Inutile
10. Nuvola

Web

Sito Ufficiale
Facebook

I Minio Indelebile sono artefici di una musica che riapre i ricordi musicali di una generazione intera, cresciuta senza saltare alcuna delle tappe che, partendo dal grunge, passando per il rock italiani anni ’90, è arrivata al crossover ed è affogata nella deriva pseduo-nu-metal senz’anima dei giorni nostri.

E fa un po’ specie pensare che nel 2011 ci sia ancora spazio per quello che è, in fin dei conti, un onesto e sincero tributo ai primi anni ’90, quando non un vero e proprio revival.
Certo è che i Minio Indelebile, da Brescia, sono attivi proprio dai primi anni ’90, li hanno vissuti intensamente, con radicale coinvolgimento e con imprescindibile passione.
Questo loro disco omonimo vuole forse essere una rievocazione del passato, ma anche un manifesto di coerenza e passione, un voler far capire che il tempo passa ma le coscienze non invecchiano.
In perfetto stile nineties, tra echi di Nirvana, Soundgarden, Pearl Jam, ma anche Rage Against The Machine, Korn e Jane Addiction’s, i Minio Indelebile ci regalano un acido spaccato politico-sociale che, vuoi per qualche aforisma di troppo o per una certa dose di qualunquismo più o meno controcorrente, suonerebbe bene per ogni generazione, ma nella nostra, ahinoi, calza terribilmente a pennello.
Seppur in ritardo di quindici anni buoni sull’evoluzione generale del panorama musicale, sarebbe sbagliato parlare dei Minio Indelebile come della classica clonazione fuori tempo massimo di un genere trito e ritrito, magari un po’ messo in disparte negli ultimi anni, ma comunque indimenticabile. I Minio Indelebile sono il genere che suonano, lo incarnano in tutto e per tutto, nei passaggi di chitarra orecchiabili e pesanti al tempo stesso, nella batteria precisa e mitragliante, nelle parole forti di “Giustizia”, “Prigione”, “Fottuta Politica” e “Videoverità”, a volte un po’ semplicistiche e ingenue, certo, ma comunque sempre incisive, veritiere e interessanti.

“Questo è suono e attitudine a torso nudo”, c’è scritto nel retro della copertina. E a noi piace davvero. Resta da capire se questo disco sarà un fenomeno nostalgico estemporaneo, una festa privata o il secondo punto di partenza per ricominciare da capo senza scordare mai il passato.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=7zjhoXv8Q7o[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close