Menu

Recensioni

La Fonderie – Downtown Babele

2011 - Autoproduzione
rock/wave

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Cosa guardi in tv
2. Falafell
3. Esseri umani
4. Dimenticar l'aria
5. Giorni da vendere
6. Ipnopolizia
7. Tutto il tempo che mi dai
8. Come scivola un vestito
9. Autostrade
10. Intanto passa una notte
11. Gigante

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Devo ammettere di non essere un cultore del rock cantato in italiano (a parte poche eccezioni). Sono uno di quelli che pensa che l’idioma adatto per questo genere di musica sia l’inglese; so riconoscere, però, quando ho davanti un prodotto valido. È il caso dell’esordio di La Fonderie, gruppo milanese guidato dalla voce di Paride Sommo.

Melodie d’impatto sorrette da una robusta base ritmica, che fonde mirabilmente basi funk a incastri di chiara derivazione wave; questa è, in linea di massima, la proposta contenuta in “Downtown Babele”. Il pregio maggiore del gruppo è quello di non assomigliare a nessuno in particolare; lo stile messo in mostra in queste 11 tracce risulta essere notevolmente personale; forse solo in “Esseri Umani” si odono dei richiami ai primi Bluvertigo.
L’incipit “Cosa Guardi In TV” possiede una rabbia che la fa stare ai confini col punk, con le chitarre che tengono efficacemente il passo della voce di Sommo.
“Dimenticar L’aria”, “Tutto il tempo che mi dai” (con una bella parte di sax che chiude il pezzo) abbassano i toni, facendoci entrare in un’ombrosità wave che rappresenta la cifra maggiormente intimistica dei La Fonderie; toni che si incupiscono ulteriormente in “Come scivola un vestito”, brano che parte abbastanza dimesso per poi implodere in una disperata richiesta d’aiuto.
Il disco continua così fino alla fine, bilanciando in modo convincente momenti dotati di maggior groove e spigliatezza pop con composizioni più meditate, più strutturate e dal taglio quasi autoriale.

Fine rappresentata dal refrain appiccicosissimo di “Gigante”, che se fossimo in un paese più giusto e più buono starebbe in heavy rotation su tutte le radio nazionali. Ma siamo in Italia, baby…

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=uhPmzz6pYro[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close