Nessuno Mi Può Giudicare, di Massimiliano Bruno

Nessuno Mi Può Giudicare, di Massimiliano Bruno

Scheda

Titolo Originale: id
Nazione: Italia - 2011
Regia: Massimiliano Bruno
Soggetto: Fausto Brizzi.
Sceneggiatura: Massimiliano Bruno, Edoardo Falcone,Fausto Brizzi.
Genere: Commedia.
Produzione: IIF Italian International Film, Rai Cinema
Distribuzione: 01 Distribution
Durata: 95’
Interpreti: Paola Cortellesi, Raoul Bova, Rocco Papaleo, Dario Cassini, Anna Foglietta, Caterina Guzzanti, Massimiliano Bruno.
Nelle sale dal: 16 Marzo 2011.
Voto: 6,5

Alice è una benestante 35enne con famiglia modello e modi molto sbrigativi nei confronti della propria servitù extracomunitaria. La sua vita cambierà drasticamente quando rimarrà vedova con una marea di debiti da saldare e l’obbligo di lasciare la sua splendida villa. Per evitare la galera, e non perdere la custodia del figlio, diventerà una escort con risultati decisamente tragicomici.

La discesa sociale di una signora con marito imprenditore, villa alla periferia di  Roma, figlio di nove anni che frequenta istituti privati e servitù extracomunitaria ai margini della macchietta, con l’aggiunta di molte situazioni che spesso terminano nell’assurdo, su tutte le incursioni della Guzzanti con tanto di intervento di Fausto Leali. Attorno un quartiere, il Quarticciolo, che viene descritto come la quinta essenza di quanto di più anti borghese e proletario ci possa essere. Questa è la pellicola diretta e sceneggiata da Massimiliano Bruno, con la partecipazione di Fausto Brizzi, che a breve sarà al cinema anche con “Boris – Il film”. La storia di Alice risulta alla fine un piacevole spaccato della nostra penisola, con una professione come la escort molto di moda di questi tempi ma qua trattata con la leggerezza che solamente i veri film comici di razza sanno offrire. Una comicità che lascia lo spazio alle splendide battute al vetriolo di Rocco Papaleo, imperdibile quella dedicata a Nanni Moretti, ma che alla fine perde però una buona occasione per trattare una serie di temi interessanti, come la prostituzione e il lavoro precario, le periferie degradate delle metropoli così come il cambio di livello sociale contro cui va a infrangersi la protagonista, la solita Cortellesi simpatica e brava con l’aiuto qui di un cast di supporto di grande rilievo.

Una sufficienza quindi meritata per un film che però avrebbe potuto far ridere, e riflettere,  differentemente.

a cura di Ciro Andreotti

Immagine anteprima YouTube


Vota:

Altre Recensioni Cinematografiche

No related posts.

News