Menu

Recensioni

Efrem – Occhio Ai Pensieri Ombottigliati Dei Giovani Uomini Incazzati

2011 - Autoproduzione
noise/alternative/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. La promessa
2. Ogiva e controgiva
3. La città pensa solo a se stessa
4. Resta in piedi il deficiente
5. Tutto ciò che ho
6. Attacchi dall'alto
7. Il giovane trotzkista
8. Tempi moderni
9. Cinzia
10. Fulke Creville (poeta cortigiano)

Web

Sito Ufficiale
Facebook

L’asprezza, l’angst generazionale molto anni novanta è ciò che piace di questa giovane esordiente band emiliana, ma anche il suo principale limite.

“Occhio ai pensieri ombottigliati…” (è scritto proprio così, non è un errore) è un disco in cui le sonorità dei primi Marlene Kuntz unite ad un mood dark e post-punk devoto ai soliti Joy Division (ma con la rabbia al posto del gelido esistenzialismo) vengono contestualizzate ad uso e consumo delle generazioni odierne; quello che ne esce fuori è sicuramente un lavoro derivativo e debitore dei padri citati sopra (e di altri), ma anche decisamente genuino ed onesto nel saper vomitare fuori tutta la propria feroce determinazione. Così, quando esplodono le chitarre in “Tutto ciò che ho”, col cantante che urla disperato il tuo nome è l’inferno, è si facile pensare ai primi Verdena, ma è altrettanto impossibile non avvertire un certo brividino correre lungo la schiena, che torna anche nella lunga e sfiancata da bordate noise chitarristiche “Il giovane trotzkista”.
Si diceva dei Marlene Kuntz: parliamo ovviamente di quelli dei primi dischi, non le affermate star autoriali odierne; di quella band viene ripreso soprattutto lo spirito acido e punk che gli stessi Marlene avevano mutuato dalla scena indie noise americana (Sonic Youth su tutti), tralasciando tutte le storie su arpeggi intricati e dissonanze varie, poiché l’approccio degli Efrem risulta essere infatti molto più elementare alla materia, rifacendosi, in questo, alla lezione dei primi CCCP.

In definitiva, un gruppo sì ancora acerbo e troppo legato a stilemi consolidati, ma che allo stesso tempo mostra già notevoli segnali di crescita; quando matureranno e troveranno più personalità, potrebbero fare il botto. Aspettiamoli.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni