Menu

Recensioni

Okkervil River – I Am Very Far

2011 - Jagjaguwar
rock/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.The Valley
2.Piratess
3.Rider
4.Lay Of The Last Survivor
5.White Shadow Waltz
6.We Need A Myth
7.Hanging From A Hit
8.Show Yourself
9.Your Past Life As A Blast
10.Wake And Be Fine
11.The Rise

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ogni artista che si rispetti ha nella propria discografia, le canzoni di “rottura”, quelle che vogliono rompere con il passato, quelle che si staccano da quanto prodotto fino a quel punto. Potrà risultare un disco “mosca bianca” nella discografia oppure aprire nuove strade per il futuro.

I texani Okkervil River se ne escono con un lavoro intero che prende le distanze dalle precedenti uscite, un’opera che richiede del tempo, spiazzando subito per poi conquistare. I Am very Far è un disco prolisso, pieno, senza buchi, ogni piccolo spiffero è stato riempito e pensare che a sentire Will Sheff (cantante, chitarrista e principale autore della band), la sua nascita è avvenuta in solitaria, da disco folk, chitarra e voce per poi arricchirsi successivamente, durante le session di prova con il resto della band, fino ad arrivare ad inglobare una serie interminabile di ospiti e strumenti.
Avevamo lasciato gli Okkervil River a fare da band di supporto al maestro e concittadino Roky Erickson nel suo splendido ritorno “True Love cast Out all evil”, uno dei dischi più attesi del 2010 (e tra i miei preferiti) ora li ritroviamo, forti di questa esperienza, a fare un passo decisamente in avanti e rischioso. Rimane il pop/folk americano(Hanging from a hit, Show yourself) del passato, fatto di melodie di facile memorizzazione, ma viene imbastardito musicalmente e ricoperto da una vena di introspezione testuale che ne fanno un’opera dura da digerire in poco tempo e poco incline un ascolto veloce e distratto.
Magniloquenze orchestrali come nell’imponente apertura The Valley, oppure l’uso bulimico degli strumenti: due bassi, due batterie, tre chitarre in Wake and be Fine, We Nedd a Myth e Rider, ne fanno canzoni da ascoltare con la dovuta attenzione, piene di sfumature e particolari. Il flirt con l’elettronica( Piratess, White shadow Waltz, Your Past Life as a Blast) li catapulta nella new wave degli anni ottanta, con vaghe reminescenze “dark” e ad avvicinarsi a gruppi attuali come gli Arcade Fire.

La coralità della conclusiva e pianistica The Rise conclude un disco senza schemi fissi e fantasioso, che suscita interesse ed una certa dipendenza, a patto di concedergli il tempo necessario per crescere. Il classico disco che dividerà e che verrà riscoperto tra qualche anno.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=iHaCtxW6Vv8[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close