Menu

MOGWAI, SUBSONICA e NOUVELLE VAGUE: ricchissimo fine settimana allo Sherwood Festival di Padova

SHERWOOD FESTIVAL 2011

PARK NORD STADIO EUGANEO

PADOVA

www.sherwood.it

Giovedì 7 Luglio 2011

MOGWAI

I MOGWAI sono senza dubbio il punto di riferimento della scena post-rock mondiale. Dopo la straordinario successo delle ultime recenti date italiane, la band di Glasgow ritorna nel nostro paese in autentico stato di grazia, dopo aver pubblicato quest’anno il settimo album “Hardcore Will Never Die, But You Will”, unanimamente accolto da pubblico e critica come la migliore produzione degli ultimi dieci anni della loro carriera.

Da pochissimo hanno inoltre terminato la masterizzazione del nuovo Ep “Earth Division” che sarà pubblicato il prossimo autunno. Il CD è una raccolta di canzoni scritte e non usate per l’ultimo album.

Le loro leggendarie esibizioni live li hanno resi un gruppo di culto in ogni parte del pianeta ed il concerto a Sherwood Festival – il primo delle 2 date a luglio in Italia – si preannuncia essere uno degli spettacoli più attesi dell’estate 2011!

Quello che andranno a presentare al pubblico di Sherwood – “Hardcore Will Never Die, But You Will” – è un bell’album istintivo e coraggioso, a partire dal titolo ironico che, a detta del chitarrista Stuart Braithwait, deriva semplicemente da una frase di un amico che si è visto rifiutare la vendita del vino da un negoziante, perchè troppo giovane. Il disco accoglie da più parti qualche sonorità velatamente pop e le infarcisce di onde rumorose fatte di bassi compressi e caos sintetico

Attivi dal 1995, MOGWAI portano avanti un sound esplosivo, tutto costruito su atmosfere cinematografiche e muri di suono monumentali. La formazione ha influenzato decine di altre band e fidelizzato milioni di fan in tutto il mondo, tanto da trasformare ogni concerto in un evento davvero emozionante e imperdibile.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=gVNYm9Qncyc[/youtube]

Venerdì 8 luglio

SUBSONICA

Fremente attesa tra il “popolo” di Sherwood per uno dei live di punta del festival: venerdì 8 luglio sono attesi i Subsonica che alla kermesse di Padova hanno suonato tantissime volte ma ormai vi mancano dal 2009.
La band torinese, capitanata dal vulcanico Samuel, fa tappa allo Stadio Euganeo con l’Eden Tour 2011 per presentare l’ultimo lavoro discografico (il sesto in studio) Eden, forte di un subitaneo successo di pubblico e critica: ha infatti debuttato al secondo posto della classifica degli album più venduti, battendo la corazzata dei finalisti di Amici e grandi star internazionali come Avril Lavigne e i REM.
I Subsonica sono probabilmente la band più rappresentativa dell’attuale scena musicale italiana. Nell’arco di quasi quindici anni (il primo album, ‘Subsonica’, è del 1997) hanno valicato tutti i confini: dai circuiti alternativi e indipendenti al palcoscenico del Festival di Sanremo (nel 2000 con il brano ‘Tutti i miei sbagli’), passando per i luoghi della club culture, senza smarrire la propria identità e credibilità. Il legame con il pubblico è diventato indissolubile: gli appuntamenti dal vivo rappresentano, per i numerosissimi appassionati, un rituale di coinvolgimento collettivo e totale: nei suoni, nei ritmi, nelle parole e nei contenuti extramusicali.
La scaletta del concerto padovano soddisferà certamente sia i fan della prima ora sia chi li ha conosciuti di recente: si passerà infatti da Tutti i miei sbagli a Nuvole Rapide, per arrivare ai brani dell’ultimo album come Istrice, Il Diluvio o La Funzione.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=DcxF1vYTb7g[/youtube]

Sabato 9 luglio

NOUVELLE VAGUE

Nouvelle Vague, New Wave e Bossa Nova: tre parole che in un certo senso vogliono dire la stessa cosa.
Tre passioni che Marc Collin e Olivier Libaux hanno coltivato fin dal 2004 facendo nascere il progetto Nouvelle Vague che consiste nella reinterpretazione di grandi classici pop rock in chiave più fresca. Il tutto partendo dalla Bossa Nova (quel genere musicale nato in Brasile negli anni 50 e che affonda le sue origini nella samba e si ispira culturalmente alla “rive gauche” francese e alle atmosfere minimaliste di certa musica europea e statunitense dell’epoca).
Le loro versioni di “Guns of Brixton”, “Dance With Me” e “Love Will Tear Us Apart” hanno girato il mondo.
Dopo quasi un milione di dischi venduti e centinaia di concerti sold out tornano oggi con Version Francaise.
Se i 3 album del passato erano legati a stretto giro con la New Wave e il post punk inglesi ora la sperimentazione parte dalla New Wave francese degli anni 70.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ekQZPozjCX8[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Close