Menu

Reportage: THE NATIONAL – Piazza Castello, Ferrara, 5 luglio 2011

Da quando ho scoperto “High Violet”, l’ultimo album della band americana, non potevo fare a meno di ascoltarlo almeno una volta al giorno. Un po’ come quando una ragazza entra di prepotenza nella tua vita. Cerchi di vederla e sentirla ogni istante della giornata. Cosi’ è successo a me per i The National.

Ho atteso diversi mesi questo giorno, proprio come quando sogni di fare l’amore con la ragazza che ami.
Il primo appuntamento con la band a Ferrara è stato verso le 16. Casuale. Un giro in bici in citta’ con il vento che riempiva di note le meravigliose storiche vie.
Il castello e bum, come uno sguardo innamorato, eccoli la’. Sul palco per il soundcheck.
Assieme ad una cinquantina di persone in devoto silenzio per rubare quegli attimi.

Alle 22,30 dopo Beirut eccoli arrivare.
Nel frattempo la notte e le stelle estensi si sono preparate per questo imperdibile evento.
Runaway
è l’inizio di quello che sara’ l’orgasmo musicale della serata.
Circa 5000 persone. Sold out. Eta’ media 35 anni. Spettacolo nello spettacolo.
Tutti li’ in estasiato silenzio per assaporare cio’ che la musica riesce a dare: emozioni e sogni.
Alla fine di parecchie canzoni ero ipnotizzato.
Generalmente applaudo. Un modo per ringraziare gli artisti del loro impegno.
Non ce la facevo. Mi sarei perso le loro emozioni. Allora rimanevo immobile.
Slow show, Afraid of everyone, Little Faith, Sorrow, e cosi’ via.
Una dietro l’altra come carezze d’amore.
La voce di Matt era un continuo sussurrare di emozioni.
I gemelli Dessner alle due estremita’ del palco erano l’inizio e la fine di un cerchio che trasudava energia.
Bryan alla batteria e Scott Devendorf (fratelli anche loro) ne erano il cuore pulsante.
Chiusura con Vanderlyle Crybaby Geeks in versione acustica, rilassante come una sigaretta dopo aver fatto l’amore.

Sicuramente uno dei concerti piu’ bello che abbia mai visto.
Sicuramente il concerto che mi ha dato di piu’.
Fantastici The National.

a cura di Luca Gatti

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=0jLsRqKGKyI[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Close