Menu

Recensioni

Gli Impossibili – Senza Ritorno

2011 - Autoproduzione
punk/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Milano
2.Utopia
3.La mia ragazza
4.Elicoltura
5.Sangue freddo
6.Multinazionali
7.Alice
8.No-nazi
9.Laura
10.Paura di reagire
11.Ilaria
12.La febbre del gioco
13.Voglio vederti danzare

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Se pensate che oggi come oggi sia di una noia mortale formare un gruppo punk è probabile che non vi sia mai capitato di ascoltare neanche l’ombra di un brano di un qualsiasi disco de Gli Impossibili.

Un gruppo che può, a ragione, pretendere l’aura di pionieri nostrani della rinascita del punk è arrivato con questo Senza Ritorno all’ennesima prova di grande carattere e qualità. Nulla si è perso. I lineamenti melodici dell’evoluzione mondiale del genere più sporco e rudivo sono assolutamente di livello e costruiti con applicazione “scolastica” dal terzetto lombardo. L’ennesima prova in autoproduzione, dopo il precedente EP, Alcol e furore, datato 2008, riempie il lavoro di personalità ed esperienza e quantifica con esatta precisione le grandi capacità di Araya (voce, chitarra), Ale (basso, cori) e Davide (batteria) che, nella più classica delle impostazioni, coltivano attraverso il tradizionalismo e la “conformità” un nuovo sentiero per chi, nel buio assoluto della musica rock italiana, cerca una fioca indicazione per la retta via. Temi leggeri per il trittico dedicato alla donna, con Laura, Ilaria e Alice ed un più classico mood impegnato in brani come No-nazi. L’ormai defunto alito punk che per un breve periodo (sull’onda del fenomeno Green Day) invase il nostro paese è fossilizzato e conservato benissimo nei tredici brani di quest’album e una volta di più dimostra, attraverso un amarcord davvero ben riuscito, come eravamo, cosa facevamo e cosa odiavamo quando “eravamo punk”. Piazzato su di un comodino, su un tre piedi da museo o più semplicemente in un lettore cd può dare il senso ad una giornata nostalgica nel ricordo di un piccolo momento fantastico che coinvolse il mondo della musica e che ha prodotto più di un “campione del botteghino”. Brezza finale, la cover di Voglio vederti danzare di Battiato che, fa scivolare l’ascoltatore ancor più indietro nel tempo e raccoglie davvero tanti applausi prima della chiusura del sipario.

Gli Impossibili da diciassette anni detengono un record più che invidiabile e ne riconfermano il valore con questo Senza Ritorno, se sentite la mancanza del punk come l’assenza di un pollice opponibile allora avete trovato la cura e il sollievo. Correte a prendere il nuovo disco de Gli Impossibili e pensate e ripensate a quando anche voi “eravate punk”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Ci-tABDmnPE[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close