Menu

Recensioni

Atari Teenage Riot – Is This Hyperreal?

2011 - Digital Hardcore
punk/techno

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Activate
2.Blood In My Eyes
3.Black Flags
4.Is This Hyperreal?
5.Codebreaker
6.Shadow Identity
7.Re-Arrange Your Synapses
8.Digital Decay
9.The Only Slight Glimmer of Hope
10.The Collapse of History

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ed ecco il ritorno sulle scene dei Berlinesi Atari Teenage Riot, dopo ben dieci anni di distanza, dodici dal loro ultimo album, “60 Second Wipeout”, ma soprattutto dopo la morte di Carl Crack, scomparso nel 2001 a causa di una overdose, ora sostituito da CX Kidtronic.

Si presentano splendenti e ritrovati con un nuovo album, “Is This Hyperreal?”, dieci tracce che pompano il tipico sound techno-punk che come al solito contraddistingue la creatività dei tre Berlinesi e  che fa gioire gli amanti dei party illegali, veri protagonisti delle situazioni futuristiche che l’ascolto di questo disco porta a scoprire.
Pare, inoltre, che per questo album abbiano voluto fare le cose in grande, coinvolgendo anche Steve Aoki, nome più che conosciuto nel mondo della musica elettronica, che sembra possa davvero dare il salto di qualità ad un album che arriva dopo uno stop ultradecennale.
Più che il nuovo album in sè la notizia è la loro reunion, perchè in realtà non c’è nulla di nuovo all’orizzonte. “Is This Hyperreal?” contiene gli stessi suoni e la stessa dinamica dei precedenti pezzi dei tedeschi, con testi sempre aggressivi e gridati con violenza, e suoni che fanno schizzare ai massimi livelli i bassi dello stereo, l’ideale per un techno-party nel più puro stile Berlinese. Un mix ben riuscito con un’ottima produzione, dove la voce distorta non rimane una particolarità ma si ripete nella gran parte del disco, cosi come il martellamento costante del ritmo incalzante.

In generale è un disco che non lascia spazio a novità o introduzioni stilistiche di particolare rilevanza, ma che conferma ancora una volta le sonorità che ritroviamo nelle passate uscite degli Atari Teenage Riot, e di cui pare non vogliano assolutamente liberarsene. D’altronde, se la formula funziona e non ne sentono il bisogno, non vedo nemmeno io perchè farlo.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=kKUmXrRF5B4[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close