Menu

Recensioni

Brian Eno – Drums Between The Bells

2011 - Warp
ambient/electro

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Bless this space
2. Glitch
3. Dreambirds
4. Pour it out
5. Seedpods
6. The real
7. The airman
8. Fierce aisles of light
9. As if your eyes were partly closed as if you honed the swirl within them and offered me... the world
10. A title
11. Sounds alien
12. Dow
13. Multimedia
14. In the future
15. Cloud 4
16. Breath of crows

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Se il Daily Telegraph ha deciso di infilarlo nella classifica dei cento geni ancora in vita è perché Mr. Eno non ha rivali nel suo campo.

Drums Between The Bells, che sembra essere il manifesto perfetto per una perfetta campagna elettorale, sintetizza i caratteri fondativi della sua genialità e amplifica lo spettro di grandezza che aleggia sullo sfondo, sulla parete bianca, e che si estende a perdita d’occhio. La libertà di cui gode un personaggio come Brian Eno ben si evidenzia attraverso i trentuno brani che compongono il disco diviso in due cd (il secondo totalmente strumentale) e senza far caso alla sequenzialità o, più semplicemente, ai titoli di ogni singolo pezzo non si può non chiedere un idealistico “bis” a colui che da ormai quasi quarant’anni non fa altro che modellare e raffinare la musica in sen so strettissimo. Capo-pilota di produzioni storicamente indimenticabili (David Bowie, Robert Fripp, U2, Devo, Roxi music, tra gli altri) e produttore di masterpieces a livello mondiale, il solo nome Eno potrebbe essere tranquillamente riferito ad un genere musicale o ad un vero e proprio periodo storico fondamentale per il rock, allora così come oggi. Sicuramente non sarà questo lavoro a dare un riconoscimento o un premio a questo individuo e, nello scorrere di tutta la playlist non è facile, per chiunque cerca un punto di riferimento, trovare potenziali “singoli” da classifica, ma il fluire di brani come Monomedia o Sounds Alien mette in chiaro come il ragionamento della mente di Eno vada assai oltre il successo personale o la visibilità dell’arte nel panorama mainstream. Spendere parole per poter descrivere Drums Between The Bells è un po’ come cercare di spiegare il sesso ad un bambino, imbarazzante. Non perché ci troviamo di fronte all’ennesimo progetto di una superstar annoiata, ma per il motivo contrario. Non è semplice spiegare come, una carriera ormai pluridecennale non viva particolari momenti di stanca o di “inappetenza”. Una mente sempre in movimento che continua a creare miti e a montare leggende che, si il mondo della musica ha sempre fatto fatica a digerire, ma che di volta in volta hanno contribuito a svelare angoli bui e a dare importanti input per il lavoro di altri grandi artisti che devono più a lui più di quanto un Oasis qualunque debba ai Beatles. Un progetto che è si il risultato del talento poliedrico di Mr. Eno, ma che acquista maggior valore grazie alla preziosa collaborazione del poeta Rick Holland messo in musica da una serie di voci femminili come perfetta chiusura di un cerchio sonoro.

Il tutto ben descri tto dalla copertina “metropolitana” dai rimandi scenografici alla Blade Runner che, in una tinta quasi industrial delineano un mood futuristico tipico delle divagazioni elettroniche della mente di Eno. Così vario ed ampio il risultato finale del progetto è da promuovere ed incoraggiare affinché le nuove leve traggano linfa vitale dalle grondanti mucose dell’ispirazione del soggetto in questione. Vivo, vegeto e geniale!

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=B7gvUMn6_YM[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close