Menu

Il Venerdì

Il Venerdì Di ImpattoSonoro #44: Ar Cavaliere Nero nun je devi cacà er cazzo

Si rasserena, e continuerà a rassenerarsi questa serafica rubrica dedicata fondamentalmente al nulla. Perchè dopo una settimana e più di fatica, abbiamo bisogno di oziare, parlare di cose di cui parleremmo in un qualsiasi bar sport globale, o seduti su una panchina tra una trentina d’anni, ma più probabilmente anche prima. Oggi si parla di cavalieri neri.

Questo venerdì restiamo seri, per quanto possa essere possibile. Ma non disperate, compenseremo tutto presentandovi la nostra proposta editoriale per la stagione 2011-2012.
Da settembre entrerà a far parte di Impatto Sonoro una nuova rubrica di cui siamo realmente orgogliosi, oltre che sinceramente eccitati: Il Cavaliere Nero.
Si tratterà di un’appuntamento incostante con alcuni dei musicisti che più stimiamo.
Ognuno di loro, più o meno periodicamente, ci invierà recensioni su album e artisti che fanno parte del loro background culturale/sociale/relazionale.
Si tratterà di recensioni completamente diverse dalle solite: la forma sarà presumibilmente e necessariamente la stessa, ma l’obiettivo principale sarà quello di dare voce a chi fa musica per davvero e di presentare attraverso le sue parole album e canzoni cari alla sua crescita artistica.
Nonostante queste premesse di serietà, si tratta pur sempre di una nostra rubrica, quindi ognuno avrà la libertà di scrivere su ciò che vuole, quando vuole e come vuole.
Bene, abbiamo detto troppo: passiamo alle cose che contano. Vi presentiamo la meravigliosa squadra de Il Cavaliere Nero.
Gioite con noi.

Miro Sassolini: Diaframma
Per un periodo della sua vita è stato membro dei Diaframma, per altri periodi della sua vita è stato altro.
Dalla scultura alla poesia, si è dedicato praticamente a tutto ciò che lo incuriosiva. Nel 2012 uscirà il suo nuovo album da “solista” intitolato “Da qui a domani”, con la collaborazione di Cristiano Santini (Disciplinatha) e Monica Matticoli.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=zmQaBmBcur0[/youtube]

Zagor Camillas (ovvero ***** ***********): Camillas
Zagor è noto al popolo italico come membro dei Camillas, gruppo composto da lui e dal “fratello” Ruben. Come Ligabue anche loro arrivano alla musica e al successo a tarda età, ma ancora non hanno avuto modo di dare vita ad una pellicola cinematografica con Stefano Accorsi.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=famtpC7t23o[/youtube]

Eco Nuel
Eco Nuel arriva alla carriera “solista” dopo un’esperienza con i Proteus 911, con cui condivide la realizzazione del loro terzo album. Il 2011 ricambia il favore e l’album solista di Eco Nuel (Almost White) vede la partecipazione dei Proteus 911.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=O_xBtaq1ySY[/youtube]

Lorenzo Guccini & Carlo Uguccioni: Montezuma
Lorenzo Guccini è il chitarrista dei Montezuma e i Montezuma sono la prova evidente che gli aztechi sapevano il fatto loro, ma di certo non avrebbero gradito il sound della band di Pesaro. Fieri produttori di Apocalisse dal 2005. Fiera dimostrazione che il post-rock può ancora vivere alla grande.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=jlO_af4pNhw[/youtube]

Luca Dalpiaz: Maraiton, Verily So
Tra basso, voce e batteria Luca Dalpiaz è presente in due gruppi opposti, come possono esserlo i durissimi Maraiton se confrontati con le atmosfere folk dei Verily So. La qualità però attraversa entrambi i progetti.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=wHvwPvya1OE[/youtube]

Simone Stefanini: Verily So
Voce e chitarra dei Verily So, gruppo che quest’anno si è imposto con un album apprezzato da molte webzine, soprattutto per l’atmosfera di internazionalità che emana.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=kybRL_32oB0[/youtube]

Luca Andriolo: Dead Cat In A Bag
Nato come duo, i Dead Cat in A Bag ora vantano varie collaborazioni più o meno saltuarie. In termini puramente teorici e matematici si può facilmente predire che prima o poi tutto il mondo suonerà con loro. E poi dicono che la matematica è un’opinione.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Vm4QvQl6ITA[/youtube]

Vincenzo Zingaro & Lorenzo Gambacorta: Unmade Bed
Se si è parlato molto del loro album “Mornaite Muntide” non è stato esclusivamente merito del fascino che si nasconde dietro il tipo di registrazione adoperato, ma anche il sound difficilmente accostabile ad altri gruppi italiani.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=5Jv1SABBQCY[/youtube]

Carlo Barbagallo: Barbagallo, Albanopower, suzanne’silver, etc..
Anche se gli Albanopower sono il suo gruppo più noto, è parte di altre realtà tra cui i suzanne’silver e il suo progetto “solista”. “Solista” tra virgolette, perché come per tutti i musicisti presenti in questo venerdì la parola solista è più un modo per dire “direttore d’orchestra” in un progetto che non sarebbe stato possibile senza altri musicisti.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=DqX2mX8QX_g[/youtube]

Manlio Maresca: Neo, Squartet, Ardecore, Udus
Manlio Maresca è uno dei più prestigiosi chitarristi della scena jazz/noise italiana. Il 20 settembre uscirà il suo ultimo lavoro con i Neo: “Neoclassico”. Registrato e mixato da Steve Albini e masterizzato da Bob Weston, l’album sarà probabilmente uno degli argomenti di questo autunno.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=WognkSV_f9c&feature=related[/youtube]

Peppe Schillaci: Diane and the shell, The Aux Band, Trioclit, The Dynamic Family
Peppe Schillaci è ovunque, le collaborazioni con altri artisti italiani e non sono parecchie. Tra i suoi progetti spiccano i “Diane and the shell”, il cui ultimo album è stato mixato da John McEntire dei Tortoise.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=V3-cVDAWLBU[/youtube]

Andrea Reali: I/O, Nippon & the symbol
Prima membro degli I/O, poi nei nippon and the symbol, poi in svariati altri progetti. E’ inutile dire che la sua Ebria Records, anche se è durata solo un breve periodo, è colpevole di alcuni dei gruppi che hanno più interessato la nostra webzine: IOIOI, I/O, Tanake, Nippon & the Symbol, etc..

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=6D4OKpCWlJg[/youtube]

Dario Serra: Suzanne ‘Silver
Lo abbiamo nominato spesso su feisbuc e sulla webzine. Oltre ad aver collaborato con Carlo Barbagallo nel suo album “solista”, è sempre a suo fianco anche nel progetto “Suzanne ‘Silver”.


Franz Rosati

Franz è amico di vecchissima data di Impatto Sonoro. Tra i fondatori della nostra webzine, è stato parte di vari progetti tra cui: Franco Ferguson, Meccanica Ferma e Gridshape, dividendo il palco anche con musicisti come i Pansonic. Franz Rosati è un musicista elettronico, un artista multimediale e uno sperimentatore folle la cui presenza in questo nostro progetto non è certo casuale.

[vimeo]http://www.vimeo.com/17060199[/vimeo]

Questo venerdì non faceva assolutamente ridere, se vi sentite derubati della vostra risata di fine settimana, ricordatevi che:

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=klhP0DpxOMc&feature=fvwrel[/youtube]




Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Articoli correlati

Close