Menu

Recensioni

Jakszyk, Fripp and Collins – A Scarcity of Miracles

2011 - Inner Knot Records
prog/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. A Scarcity Of Miracles
2. The Price We Pay
3. Secrets
4. This House
5. The Other Man
6. The Light Of Day

Web

Sito Ufficiale
Facebook
Sottotitolato “A King Crimson ProjeKct”, l’ultima impresa di Fripp e dei suoi compari vede protagonisti oltre allo storico chitarrista-fondatore della band, il chitarrista Jakko Jakszyk (Level 42, 21st Century Schizoid Band), il sassofonista Mel Collins (con Fripp per tre album in studio nel periodo 1970-72), con alla sezione ritmica basso e batteria degli attuali King Crimson, ovvero Tony Levin e Gavin Harrison (anche coi Porcupine Tree). Perché non potevano accreditare il disco ai King Crimson?, sarebbe da chiedere a Fripp, ma tanto una sua risposta non varrebbe niente. Fripp non è uno che di solito dice le cose come stanno.
Chi si aspetta il rock rumoristico, frammentato e distorto degli ultimi King Crimson, oppure un ritorno alle atmosfere prog-sinfoniche di Lizard o Islands si metta il cuore in pace: questo disco ha abbastanza poco a vedere con entrambe le tipologie; l’unica cosa che può un po’ accostarli ai secondi sono appunto il sax e le atmosfere vagamente jazzistiche – ma anche queste sembrano più provenire da un disco di Sting che da un disco di prog. Ecco, a volte, come nella traccia di apertura, sembra di sentire un cazzo di disco di Sting. Ora, la traccia di apertura è probabilmente la cosa migliore del disco, ma Fripp e soci che suonano come Sting sicuramente non danno l’idea di aver compiuto un grande balzo in avanti nella loro esperienza musicale, e tantomeno di aver fatto un grande beneficio all’umanità.
Il disco è nel complesso gradevole, e sicuramente uno dei progetti crimsoniani più melodici degli ultimi trent’anni. Mel Collins dà un contributo di colore eccezionale coi suoi fiati, e tutta la band nel complesso è precisa, perfetta, funzionale. Non si può neanche accusare il gruppo di eccessiva freddezza: si tratta indubbiamente di un album a colori caldi, dai toni morbidi; eppure il senso di deja-vu che emerge dalle sonorità è innegabile. Sembra di ascoltare un disco di buoni artigiani di vintage prog come i Wobbler o i Big Big Train… Coi quali in effetti il disco condivide pregi e difetti concettuali, quand’anche non compositivi.
Tutto appare bello nel senso estetico del termine. Bello, ben realizzato, persino composito, intarsiato dal sax di Collins prima di tutto; e appare anche vivo, vibrante, qualcosa che non potrà non fare piacere ai fan di Fripp e della sua opera, e che soffia un respiro vitale in tutta l’opera, un respiro che si avverte per esempio nella struttura a onde di “Secrets” (in particolare nella lunga sezione iniziale). Si tratta di un disco fatto per essere ascoltato, un disco basato su melodie. Però arrangiamenti, produzione e composizione, per quanto indubbiamente peculiari nel catalogo del Re Cremisi, sanno di già sentito, anche se il disco è sincero a sufficienza da non risultare formulaico.

Ciò detto, si tratta di un disco per ascoltatori di prog classico, che potrebbe spiacere agli estremisti fanatici della band, ma che potrebbe piacere almeno a tratti agli appassionati di certo rock melodico jazzato. Per chi è addentro a tutte le cose progressive, è un altro buon disco nel mucchio, ma non c’è un motivo particolare per privilegiare questo a tante altre uscite del genere, se non il fatto che sia firmato, anche se in piccolo, King Crimson.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=wOxn2GTGa2U[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close