Menu

Recensioni

dEUS – Keep You Close

2011 - Pias
rock/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Keep You Close
2. The Final Blast
3. Dark Sets In
4. Twice
5. Ghosts
6. Constant Now
7. The End Of Romance
8. Second Nature
9. Easy

Web

Sito Ufficiale
Facebook

A tre anni di distanza dal controverso e abbastanza interlocutorio Vantage Point, tornano i belgi dEUS, alfieri, dal 1994, di un personalissimo alternative indie rock.

Keep You Close segna la parziale ripresa di un’espressività più vicina ai canoni della band capitanata da Tom Barman, quella di album come Worst Case Scenario (1994), oppure il più delicato In A Bar Under The Sea (1996).
Gli ammiccamenti pop che hanno caratterizzato il precedente disco non sono stati del tutto accantonati, ma lavorano in funzione di brani più energici e dallo scheletro tipicamente rock, andando quindi a impreziosire, soprattutto per quanto riguarda la ricchezza degli arrangiamenti, il song writing astuto, divertente e anti-convenzionale, vero trademark dei dEUS.
Già la title track posta in apertura risulta interessante e atmosferica, ma sono brani come Dark Sets In (con un cameo di Greg Dulli, anche sulla seguente Twice) a convincere appieno, grazie a un’immediatezza tutta rock che si traduce in un bell’impatto frontale.
Più rilassate e orecchiabili episodi come Ghosts, The Final Blast ed Easy, dove i ritmi si fanno più languidi, seguiti dalla voce soft del frontman.
Discutibile invece la scelta de singolo, Constant Now, brano pop-rock d’ispirazione eighties, certamente non tra i brani più riusciti e indicativi di questo lavoro.

In conclusione Keep You Close, sebbene non perfetto e di certo non fondamentale nel panorama indie contemporaneo, può sicuramente essere visto come album della personale maturità espressiva del gruppo belga, un lavoro nel quale la sintesi fra l’espressività senza filtro degli esordi e il sound più ricercato e ragionato degli ultimi anni convivono senza scontri, ma arricchendosi anzi vicendevolmente, confermando quindi le indubbie qualità dei dEUS come validi interpreti dei diversi modelli musicali che da sempre li hanno ispirati, fondendosi in un impasto sonoro sempre unico e riconoscibilissimo.

dEUS – Keep You Close (2011) by dEUSbe

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close