Menu

Recensioni

Umberto Palazzo – Canzoni Della Notte E Della Controra

2011 - Discodada
songwriter/rock/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Terzetto nella nebbia
2.La luce cinerea dei led
3.Metafisica
4.Café Chantant
5.La marcia dei basilischi
6.Aloha
7.Luce del mattino
8.La Controra
9.Acchiappasogni

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“Contróra s.f. merid. Siesta, ora bruciata, calura pomeridiana: Faceva caldo, e non c’era nella strada il silenzio della c. e della siesta (Berto).”

Torna Umberto Palazzo e questa volta lo fa con un disco solista dal titolo “Canzoni della notte e della controra”. Un viaggio ipnotico in due dimensioni temporali in cui il tempo si ferma e lo spazio si dilata. Rimane al centro l’uomo costretto a non scappare da se stesso e a iniziare una lunga riflessione. Ed è proprio l’uomo che sta al centro di questo disco non solo filosoficamente parlando. Umberto Palazzo fa quasi tutto da se: scrive, compone, canta, strumenta. Raramente si fa accompagnare e quando lo fa si porta dietro delle splendide voci come quella di Sandra Ippoliti(è da pochissimo uscito il suo  primo disco) o di Tying Tiffany(che recentemente ha coverizzato, È aria, dei Santo Niente).

Il disco si apre con una stupenda e intima “Terzetto nella nebbia”.  Un’atmosfera lenta, soffusa. Uno stile cantautoriale che fa a botte con le accellerate e i rumori forti per perdersi nella quieta della nebbia. Piccoli turbamenti che s’ingigantiscono tra l’immobilità del paesaggio. L’atto dello scoprirsi fino a un livello più intimo. La poesia che esce dall’uomo. La calma e l’imponenza della natura. Yuri Norste parla molto bene di quest’argomento nel corto “Il riccio nella nebbia”. Si trovano anche atmosfere più tribali\giunglesche come ne “La luce cinerea dei Led” o le atmosfere più western della successiva “Metafisica”. Viaggi sempre più intimi di un uomo che ha voluto far assumere ai suoi testi una profondità spirituale. Soffiate morriconiane tra un letto disfatto e una sentenza senza appello. Tutto ciò scritto e suonato con al culmine dell’ispirazione.
Umberto Palazzo in questo “Canzoni della notte e della controra” trova anche lo spazio per coverizzarsi e ripresenta “Aloha” tratta daI Fiori dell’agave, col progetto Santo Niente. Ossessiva, empirica e degna dei folli discorsi che avvengono in qualsiasi bar notturno. Questa nuova versione assume atmosfere meno “musicali” e guadagna a livello di pathos. Un lungo delirio, the last lullaby, fatto al margine di un bancone e accompagnati da un buon bicchiere. Sempre di riflessioni al bicchiere si può citare nella bellissima “Cafè Chantant” e nell’immobilismo poetico de “La controra”.
Arriva il mattino, il folk prende il sopravvento con “Luce del mattino” (già presente in versione abbozzata nella compilation Indie or Die) e il tutto giunge al termine con le immagini di un sogno in cui Cagliostro e Casanova giocano a dadi e fanno a pugni in un vicolo che puzza di piscio e polvere da sparo.
Un disco che definire come cantautoriale pare riduttivo. Questo lavoro ha il pregio di essere avvolto dalla sincerità e dall’umanità tanto da diventare così intimo, poetico, magico e quasi fuori da ogni dimensione musicale normalmente conosciuta.

Per finire un pensiero di Conrad che calza a pennello con questo disco: “Risalire quel fiume era come compiere un viaggio indietro nel tempo, ai primordi del mondo, quando la vegetazione spadroneggiava sulla terra e i grandi alberi erano sovrani. Un corso d’acqua vuoto, un silenzio assoluto, una foresta impenetrabile; l’aria calda, spessa, greve, immota. Deserte, le lunghe distese d’acqua si perdevano nell’oscurità di adombrate distanze.”

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=HDWdv57CS7Q[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close