Menu

Recensioni

Reigns – The Widow Blades

2011 - Monotreme Records
post/dark/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Over Tone Gulley
2. Hybrium Sulphate
3. The Diagram
4. Four And A Half Minutes Missing
5. I Will Burn For This
6. Horse Murders
7. Green Butter
8. They Likes To Sleep Soft
8. Painsong
9. Vessels
10. The Mounds

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Chi era veramente Millicent Blades e come trascorse le sue ultime ore prima della scomparsa, durante la terribile bufera di neve del 1978?

Ruota attorno a questi inquietanti interrogativi l’ultimo album dei Reigns, che più che un “concept-album” si candida ad essere una “ricostruzione sonora dei fatti” in piena regola.
Il duo del Wessex divide la storia in undici capitoli musicali, tra mistero, tensione, decadenza e turbamento.
Secondo alcune fonti (più o meno attendibili) i Reigns si sarebbero mostrati talmente scrupolosi nel voler ricreare le atmosfere della scomparsa della vedova, da rintanarsi per alcuni giorni nella sua casa, per coglierne gli odori di fondo e registrare alcune tracce proprio nella stanze in cui Millicent Blades era solita riposare. Inoltre (cosa ancor più angosciante) avrebbero registrato l’intero album sotto i particolari effetti dell’Hybrium Sulphate, una non meglio precisata miscela chimica che la vedova era solita farsi prescrivere per alleviare le personali pene.
Verità o subdola trovata di marketing? Non importa (anche se personalmente propendo per la seconda versione) , quello che ci deve interessare è la musica e bisogna ammettere che ascoltando “The Widow Blades” più di una volta i brividi scorrono a fior di pelle: “Hybrium Sulphate” è delizia e decadenza allo stato puro, “They Likes to Sleep Soft” una ninna nanna soffice e sottilmente diabolica, “The Diagram” avrebbe tutti i connotati per essere scelta come intro di un qualsiasi film di Dario Argento e come non parlare della maestosa suite finale “The Mounds”, in cui elettronica e ambient trovano il connubio ideale sopra un tappeto ovattato color sangue.

I Reigns stavolta hanno fatto centro, riuscendo a trasformare le loro più inquiete visioni in musica, seguendo un enigmatico canovaccio che (vero o artificioso che sia) dona più di un perché all’ascolto dell’intero album. Anche l’affascinante mondo musicale adesso ha il suo “The Blair Witch Project”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=e7NXF6uvvHU[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close