Menu

Recensioni

Feist – Metals

2011 - Interscope
art/pop/soul

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. The Bad In Each Other
2. Graveyard
3. Caught A Long Wind
4. How Come You Never Go There
5. A Commotion
6. Bittersweet Melodies
7. Anti Pioneer
8. Undiscovered First
9. Cicadas And Gulls
10. Woe Be
11. Comfort Me
12. Get It Wrong, Get It Right

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“Metals” è (finalmente) il quarto album firmato Leslie Feist, e segue, a quattro anni di distanza, il fortunato “The Reminder”. L’artista canadese ha speso questi anni in collaborazioni e impegni collaterali (Broken Social Scene, Dark Was The Night) che hanno indubbiamente arricchito e ampliato il suo già vasto ed eclettico stile.

I riferimenti all’innata eleganza di Jeff Buckley, Joni Mitchell, alla sensibilità melodica e soul di Tracy Chapman (per fare qualche nome noto), ci sono ancora tutti, ulteriormente raffinati e sublimati, in un processo che, nel corso degli anni, è andato sfrondando il superfluo, per rimanere con uno scheletro sonoro sincero, trasparente, personale e intenso, come solo una grande artista può essere.
Questo per dire che “Metals” è un’opera in cui la continuità col passato (personale e culturale) fa il paio con il fisiologico progredire di un percorso artistico, che si traduce in un disco questa volta più intimo e raccolto, sempre eclettico e mutevole, ma dai toni generalmente tenui e dall’incedere pacato, quasi meditativo, sebbene per nulla privo del corposo impianto emotivo e sensuale che la voce di Feist da sempre evoca all’ascolto.
La partenza è affidata a “The Bad In Each Other”, perfetta opener che unisce un efficace ma sobrio impianto strumentale a un grande comparto canoro e corale.
Un sentore nostalgico sembra promanare dalla delicata “Graveyard“, alla quale fa seguito la sofisticata “Caught A Long Wind”. Calde pulsazioni soul animano “How Come You Never Go There” (primo singolo), nient’altro che blues sta invece alla base di “Bittersweet Melodies”, mentre è genuinamente folk lo spirito di “Comfort Me” e “Cicadas And Gulls”. Canzoni che arrivano immediatamente al cuore di chi ascolta, come anche la dolce e commovente “Get It Wrong, Get It Right”, che chiude un disco in apparenza semplice, ma finemente cesellato nei suoni e negli arrangiamenti (grazie anche all’aiuto di Chilly Gonzales, Mocky e Valgeir Sigurðsson).

Leslie Feist si conferma prepotentemente eclettica, mostrando capacità e maturità adatte a lavorare su queste eterogenee sonorità, infondendole della propria personalità artistica, un’anima vibrante, delicata ma intensa, grazie alla quale azione e contemplazione, in chiave artistica e spirituale, condividono lo stesso equilibrio che qui esiste tra classicismo strutturale e modernità interpretativa, incorniciando un album sostanzialmente perfetto, che cresce ad ogni ascolto, scoprendo e illuminando poco a poco nuovi paesaggi, nuovi orizzonti, in un’esperienza fortemente sinestetica che è sicuramente fra le migliori uscite dell’anno.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=h65YIvjIV7E[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close