Menu

Recensioni

A Classic Education – Call It Blazing

2011 - La Tempesta International/Lefse
rock/pop/indie

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Work It Out
2.Baby, It's Fine
3.Grave Bird
4.Gone To Sea
5.Place A Bet On You
6.Billy's Gang Dream
7.Spin Me Around
8.Forever Boy
9.Can You Feel The Backwash
10.Terrible Day
11.I Lost Time
12.Night Owl

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Che disco magnifico. Dopo un paio di EP, i bolognesi A Classic Education capitanati dal singer canadese Jonathan Clancy sbancano tutto e tutti e si prendono l’intero malloppo, regalandoci uno dei dischi più belli ed intensi ascoltati in questo 2011.

Non bisognerebbe elargire tutti questi complimenti e professionalità imporrebbe di restare su toni più sobri ed obiettivi, ma è impossibile non salutare con felicità un disco dalla perfezione quasi spietata: la miscela di sixties sound con chitarre jingle jangle ed indie rock figlio dei nostri tempi – che da Modest Mouse e Pavement arriva sino a Shins e Okkervil River – orchestrata dalla band è qualcosa di così puro e fuori dal tempo che lascia sbalorditi. La registrazione analogica effettuata a New York da Jarvis Taneviere non fa che amplificare quella sensazione di incontro/scontro tra passato e presente che si avverte nell’arco dell’album.
Dodici brani uno più riuscito dell’altro, dall’abbozzo iniziale di Work It Out, alla melodia screziata di garage’n’roll della successiva Baby It’s Fine, al sogno pop e delicato di Gone To Sea, alle tinte psichedeliche e sofficemente rugginose che colorano Spin Me Around, fino all’esplosione malinconica che circonda la conclusiva Night Owl: non c’è un calo, non un riempitivo. Poi quando si arriva, nella seconda parte del lavoro, al capolavoro di Forever Boy – costruzione armonica impeccabile che si risolve in un refrain epico – si capisce che questo disco in America, dove di rock ne capiscono, riceverà sicuramente l’apprezzamento che merita.

E qui da noi? Sarà l’ennesimo, ottimo album di musicisti italiani apprezzato dai critici ma ignorato dal pubblico? Speriamo proprio di no.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Pdn1iP5VJfI[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close