Menu

Recensioni

Tinariwen – Tassili

2011 - V2
blues

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Imidiwan Ma Tennam
2.Asuf D Alwa
3.Tenere Taqqim Tossam
4.Ya Messinagh
5.Walla Illa
6.Tameyawt
7.Imidiwan Win Sahara
8.Tamiditin Tan Ufrawan
9.Aden Osamnat
10.Tenidagh Hegh Djeredjere
11.Iswegh Attay

Web

Sito Ufficiale
Facebook

L’Africa da cui tutto nacque. Il blues, il soul, il reggae, la schiavitù fertile dimora tragica della musica moderna.

Il nuovo capitolo dei Tinariwen, ovvero il progetto di Ibrahim Ag Alhabib ( che già conosciamo nei Tv On The Radio) insieme alla Dirty Dozen Brass Band è un monolite antico. Un epitaffio disegnato, scomparso e poi ridisegnato, di notte in notte, nella sabbia del deserto dell’Algeria.
Sebbene meno aperto ad aperture world e contaminazione rispetto ai precedenti capitoli della band.
Un terreno sterile e notturno, solitario e buono per nascondersi, questo è “Tassili”: storico rifugio dei guerriglieri Tamashek nella rivolta contro il regime del Mali.
E qui nasce un blues solitario e corale allo stesso tempo. La solitudine dell’orizzonte disteso e sterile attorno a te, e la voce dei tuoi compagni di avventura.
Pochi accordi, ritmiche scarne e concrete, mani, legno e pochissima post produzione, il gusto metallico di chitarre vecchie e vecchie parole.
Ecco un disco impossibile da vivisezionare nel suo interno. Perfetta sintesi di uno spaccato della notte, di una ritualità fotografata per un attimo nella sostanza più profonda della tradizione, senza ricorrere a stereotipi facili e superficiali.

Come ascoltare per certi versi un disco di Son House o di Lightinin’ Hopkins, questo nuovo lavoro dei Tinariwen è un tassello prezioso delle radici più lontane e dimenticate.
Tradizione orale, coralità ed essenzialità, puri concetti in un sistema musicale di riferimento ormai saturo di sovra stratificazioni.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=iorfsFAJJsI[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close