Menu

Recensioni

Eva’s Milk – Zorn

2011 - Fuego Records
grunge

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Soldati dell'aurea gioventù
2.Ai tempi di Caronte
3.É meglio essere illucidi
4.94 buchi neri
5.Turpentine
6.Nella bile
7.Volcano
8.Come falene
9.Cuscinate
10.Zorn

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Secondo album per gli Eva’s Milk, dopo l’esordio di tre anni fa Cassandra e il sole che oscura.

Un particolare curioso di questo terzetto proveniente da Novara è la label che ha messo sotto contratto i ragazzi: la Fuego Records, infatti, è un’etichetta tedesca. Strano dicevamo, visto che i nostri producono una musica – cantata in italiano – che sicuramente ha tutte le carte in regola per farsi conoscere ed apprezzare dal nostro pubblico. Comunque: ciò che esce dalle casse è, detto in una sola parola, grunge. Ebbene sì, proprio quel genere musicale nato e morto negli anni 90. Non pensate però alla versione addomesticata e filtrata attraverso il classic rock di gruppi come i Pearl Jam o gli Stone Temple Pilots: gli Evas’s Milk affrontano il lato oscuro del genere, quello esplorato prima di loro da gente come Nirvana, Mudhoney e Melvins. Punk, noise e distorsioni potenti e sporche figlie dello sludge vanno dunque ad infettare le liriche cantate – qualche voltà con difficoltà – da Andrea Zanolli, donando al tutto più di una somiglianza con i primi Verdena. Il mood che la band sa creare lungo l’arco delle dieci tracce, comunque, è vincente: un’atmosfera opprimente ed oscura, figlia del degrado urbano e di quel tipico angst gonfio di malessere così ben descritto, prima di loro, dai gruppi citati sopra.

Il difetto sta forse in una eccessiva omogeneità che rende i brani poco distinguibili l’uno dall’altro, anche se a onor del vero pezzi come “Soldati dell’aurea gioventù” e la title track emergono efficacemente dal resto.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=MzVuC2xSm98[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close