Menu

Recensioni

Fuossera – Sotto I Riflettori

2011 - Poesia Cruda
hip-hop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Tutti giù’ per terra
2. Alza la Testa feat Enzo Padulano
3. Senza fine
4. Endless theme
5. Ipocrisia
6. Senza eroi feat CoSang
7. Sotto i riflettori
8. Tutto e Niente
9. Attento al tuo Vicino feat Club Dogo
10. Nun Chiagnere maje feat Akey
11. Maleducazione
12. Biografite

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“Sotto i riflettori” marca a suo modo una coraggiosa linea di confine nella discografia del trio di Piscinola. Coraggiosa perché probabilmente non tutti i fan della prima ora apprezzeranno il tentativo di limitare le liriche in napoletano stretto e di abbracciare l’italiano come “lingua base”, a tutto vantaggio di una maggiore fruibilità dei messaggi e di una più marcata solarità negli arrangiamenti.

Eppure l’attenzione per i testi rimane elevata: messaggi di denuncia sociale, che ci offrono uno spaccato crudo e verosimile dei luoghi in cui i Fuossera sono nati e cresciuti
Qualcuno sicuramente avrà qualcosa da obiettare, tirando fuori la solita questione del “salto commerciale”, senza rendersi conto che alla fine è una semplice questione di punti di vista: meglio cercare di allargare il più possibile la portata del messaggio o rimanere confinati “per forza di cose” nel proprio territorio? Più conveniente rimanere un credibile fenomeno di nicchia o cercare di aumentare i proseliti lungo lo stivale accettando un rischioso compromesso “mainstream”?
“E’ un fatto d’appartenenza” direbbe qualcuno: in fondo i Fuossera fanno bene a non pensarci troppo e tentano di spiccare il grande salto. La prova più grande, quella di cantare in italiano senza perdere troppo in originalità e credibilità, sembra essere stata vinta: i testi rimangono taglienti, raccontano la Napoli più viscerale e meno pubblicizzata, senza perdere di vista la passionalità partenopea e sfuggendo alla facile tentazione di fare del “gomorrismo” il proprio vessillo di battaglia.

Questa è la sfida dei “nuovi” Fuossera: raccontare a tutti la feroce realtà dell’”Era del fosso”, senza cadere nei soliti stereotipi dell’hip-hop di italico stampo nazional-popolare. Sfida difficile, che certo non può essere vinta con un solo album,   ma non del tutto impossibile.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=CdSPZjuqbnQ[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close