Menu

THE STRANGE BOYS: tre date in Italia ad aprile

Sono una delle ultime scoperte di Rough Trade, pronti a rinvigorire il mito del rock’n’roll che viene dall’America tinto di blues alla Bob Dylan. Provenienti da Austin, Texas, la patria del celeberrimo SXSW Festival e una delle roccaforti della cultura alternativa americana, i The Strange Boys sono originalmente un trio, composto da fratelli Sambol (Ryan e Philip) e dal batterista Matt Hammer, che nel 2009 riesce a pubblicare il suo primo album sulla uber-cool etichetta indie americana In The Red Records (che annovera tra le sue fila Black Lips, Thee Oh Sees, The Ponys, The Dirtbombs, Boss Hog, Jon Spencer Blues Explosion, Jay Reatard, The Horrors, Mark Sultan, Vivian Girls, Blank Dogs, insomma il gotha del garage rock indipendente a stelle e strisce, la cui prima release furono i leggendari The Morlocks).
Per questo primo album, la band aggiunge tre nuovi membri alla formazione, diventando un sestetto, con l’innesto di componenti di altre importanti band della scena indipendente americana della West Coast, come Mika Miko e Darker My Love, arrivando a proporre un sound più corposo, ma ancora grezzo, con il secondo album, che esce nel 2010 per Rough Trade, la celeberrima etichetta inglese. “Be Brave”, questo il titolo del secondo album, consacra definitivamente gli Strange Boys nel circuito indie garage da entrambe le parti dell’Atlantico e li porta in tour assieme a Fucked Up, Crystal Antlers, Chain and the Gang, Spoon, Deerhunter e Julian Casablancas degli Strokes.
Ora arrivano alla prova del terzo album, più maturo, dai toni più pacati, dove riscoprono il Bob Dylan folk rock che è dentro loro. Tre album in tre anni, su In The Red Records e Rough Trade: in tour con il gotha della musica indipendente americana, sono l’ottimo biglietto da visita per gli Strange Boys, e per chiunque ami le sonorità che propongono!

THE STRANGE BOYS

16 aprile 2012 – Magnolia – Segrate (MI)

17 aprile 2012 – Circolo degli Artisti – Roma

18 aprile 2012 – Locomotiv – Bologna

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=1hEQd-1XdIs[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Close