Menu

Recensioni

Rashomon – Andrà Tutto Bene

2011 - Lo Scafandro
blues/rock/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Mamma è un brutto mondo
2.Fuoco
3.Maledetti
4.Meglio rinunciare
5.Black Jesus
6.Persi
7.Vite splendide
8.Denti storti
9.Il cielo di Super Mario
10.Tempo

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Può la musica del diavolo (ovvero il blues) adattarsi ai versi in italiano? Se uno ci pensa bene, sono due mondi piuttosto distanti. E invece.

I Rashomon, nuovo progetto del modenese Kheyre Walamaghe, già pianista di Cisco (ex Modena City Ramblers) riescono nell’intento di suonare abrasivi ed al contempo fruibili per un’audience che potrebbe essere ben più ampia di quei soliti quattro gatti che, per fare un esempio, ascoltano ancora Jon Spencer. Power trio composto da synth/piano, chitarra e batteria (senza l’apporto quindi del basso) i Rashomon attaccano alla giugulare col blues belluino di Mamma è un brutto mondo, ed è subito un bel sentire: suono sporco, attitudine da cazzotto in faccia, distorsioni sature come il garage noise della Blues Explosion insegnava una quindicina d’anni fa. I momenti migliori di Andrà Tutto Bene sono proprio quelli nei quali il gruppo spinge sull’accelleratore senza farsi troppe remore, con piglio da vero caterpillar schiacciasassi: Denti Storti possiede ancora la carica da lupo mannaro di zio Waits, Maledetti è più ruffiana ma non per questo meno efficace. Va detto che i paragoni fatti con i Black Keys sono abbastanza centrati, anche se qui c’è maggior fascinazione per suoni oscuri  che collassano in rumorismi nevrotici e meno attitudine “indie” rispetto alla band di Dan Auerbach. C’è poi anche un’anima più pacata, che si risolve in alcuni numeri al confine col cantautorato rock: Black Jesus, Persi, Vite Splendide ricordano le cose migliori uscite dal rock alternativo italiano degli anni ’90 (Afterhours), con delle buone progressioni melodiche ed un songwriting solido che regge anche dopo ripetuti ascolti.

Forse l’episodio più “studiato” per piacere alle radio è Il cielo di Super Mario, dall’incedere funky alla RHCP; ma che dire, la band convince anche in queste vesti. Chapeau.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=m2bkxI0Asnw[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close