Menu

Recensioni

buenRetiro – In Penombra

2011 - Deambula Records
post/rock/psich

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Canto primo
2.Quale luce
3.Negli angoli
4.Xenon
5.Finis Terrae
6.O Cebrero
7.Gaia
8.Boulier Violette
9.In cerchio
10.Maree
11.Penombra
12.Montagne

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Si avvertono prepotenti echi rimembranti il rock alternativo di metà anni ’90 ascoltando il quarto lavoro dei pescaresi buenRetiro.

Disco profondamente intriso di umori autunnali, introspettivo e malinconico, In Penombra richiede tempo e pazienza per essere apprezzato nelle sue atmosfere trascinate, nei suoi numerosi ceselli chitarristici, nelle sue implosioni rigidamente controllate. È infatti il post rock di matrice chicagoana il fulcro da cui si dipana il suono dei nostri; cerebrale quindi, matematico a volte nelle sue progressioni (come nella strumentale Xenon), ma altresì capace di esplorare malinconie inespresse grazie ad una costruzione dei testi ricercata e mai lasciata al caso (Quale luce). Testi e vocalità – del bassista Mauro Spada – che ricordano la miglior poetica di Cristiano Godano; ma anche, e questo è un piacere aggiuntivo per le orecchie del vostro umile recensore, quella meno conosciuta di Franz Goria, esplicitata nel suo progetto post Fluxus, i Petrol (insieme all’ex bassista dei Kuntz, Dan Solo). Affinità e citazioni a parte, questo disco piace per la sua abilità nel coniugare liquefazioni psichedeliche e post rock insieme ad una certa idea di costruzione di un cantautorato “altro”, alieno e distante dai soliti cliché tanto di moda nel mondo indie della penisola: i buenRetiro tentano di fare la loro cosa, risultando a tratti derivativi e poco originali, ma più spesso avvincendo nel saper creare paesaggi sonori di rara bellezza.

Produce il tutto Amaury Cambuzat (Ulan Bator) ed è un lavoro, il suo, che valorizza pienamente le numerose stratificazioni soniche e le distese “ambientali” realizzate dal gruppo, operando senza mai eccedere in facili esplosioni distorsive che sarebbero risultate inutili e banali.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=GGGl2WrOx7o[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close