Menu

Speciali

[STREAMING]: Songs For The Sleepwalkers – Our Rehearsed Spontaneous Reactions

Andrea Caccese giunge dopo un EP al suo primo disco con il progetto Songs for the sleepwalkers. Un rock vellutato che ha il sapore duale dell’Italia e della Svezia.

Un ragazzo che lascia l’Italia anni or sono e si trasferisce dopo varie peripezie nelle terre nordiche della Svezia. Da qui un nuovo percorso sonoro e la nascita del progetto. “Our rehearsed spontaneous reactions” è un album  che cerca di illuminare una notte troppo buia, spostando i rami e facendo intravedere una vivida luna. Un disco delicato ma che riesce lo stesso a farsi valere. E’ la timida ma decisa ricerca di un sonno sereno e di un letto caldo. E’ come mettere in musica e aggiornare ai tempi nostri certi canzonieri di Petrarca. Perché in fondo si cerca sempre una pace dai duri pensieri, dalle notti fredde e dai giorni spenti. A tratti, questo disco può ricordare certi lavori dei Sigur Ros, The Mars Volta, The Tallest Man on Heart e l’immancabile Bon Iver. Siamo dunque di fronte ad un alternative rock\folk che si fa contaminare da suoni electro-minimal e tappeti ambient di pregiata fattura. La parte che ha più successo nel disco è proprio quella in cui Andrea Caccese osa di più e mischia generi, vicissitudini personali e suoni astratti per creare un prodotto nuovo e unico. Su tutte, da citare, l’introduttiva Icarus Falling, Set the world on fire e il singolo Tell me how. L’album sarà disponibile da gennaio 2012 sotto Paper Wings Records.

Songs for the sleepwalkers con “Our rehearsed spontaneous reactions” rappresenta una raccolta di pregiate lullabies per tutte le nostre notti insonne. Il disco con cui iniziare bene il duemilaedodici.

(a cura di Fabio La Donna)

 

[mp3_embed mp3_aligns="bottom" aps="no" colors="#050808" nums="4" mp3wids="250" mp3highs="230" blog_plyrs="3" id="10" playlistfolder="Song_For_The_Sleep_Walkers" shuffle="no" transparent="no" show="no"]

 

 

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Articoli correlati

Close