Menu

Recensioni

Vittorio Cane – Palazzi

2011 - Innabilis/New Model Label
pop/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Quello che
2.Mai
3.Umano
4.A Milano
5.Sto Bene
6.Non Ne Ho
7.Palazzi
8.Responsabilità
9.Qui
10.A casa mia

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Vittorio Cane, nome d’arte di Claudio Cosimato, è giunto al suo terzo album da solista.

Lui è uno strano cantautore. Ti pare sempre un po’ impacciato, incerto, quasi arronzato. Ti sembra un giocoliere su un monociclo. Ti sbagli. Si regge tutto alla perfezione, ma te ne accorgi solo dopo averlo ascoltato tantissimo. Devo molto al suo penultimo album “Secondo”, un piccolo capolavoro di immensa malinconia. Mi hanno sempre colpito gli arrangiamenti, morbidi e scarni, con un pizzico di sound hip hop, e specialmente la voce: sentendo Vittorio Cane ti viene da dire “Ma chi minchia stonerebbe mai nel suo album??”. La stonatura è quasi un vezzo, un espediente malinconico, una sfumatura drammatica. Sa il fatto suo ‘sto Vittorio Cane.
“Palazzi” è un passo in avanti. Più maturo, più allegro, radiofonico, con più roba in pentola. É un bell’album, senza dubbio, ed è moderno, non ti fa pensare immediatamente a qualcun altro, come mi succede spesso ascoltando le ultime uscite dei nuovi cantautori italiani.

Vittorio Cane brucia lentamente. Sa quello che fa, non esagera, non è un comico che fa le battute sulla moglie che non ha. Questa sincerità si sente, ha delle belle frequenze, e molti alzano il volume.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=DcfjETeep_s[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close