Menu

Recensioni

Everland – Once Upon A Time

2011 - This Is Core
rock/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Three stories one life
2. Mothermoon
3. Wearing sounds and colours
4. Frank The Liar
5. Everland
6. The Way Of Nowhere
7. Deep Breath Downstairs
8. Raise And Erase
9. The Whole Night
10. Ends And Beginnings

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ecco tra le mani una nuova uscita firmata This Is Core: parliamo degli Everland, band Romana dalla formazione abbastanza recente che debutta sulla scena con “Once Upon A Time”, undici tracce di alternative rock dai suoni aggressivi ma senza disdegnare parti melodiche più introspettive.

Il disco si apre con una breve intro, composta da sottofondo musicale e parlato ma del tutto irrilevante, come sono spesso le intro dei dischi tranne poche eccezioni.
Appena parte “Three stories one life” si capisce subito che siamo davanti ad una registrazione davvero di livello, con ottimi suoni che non si sovrappongono e lasciano la giusta aria ad ogni strumento musicale, voce compresa. “Mothermoon” si apre con un arpeggio ed un cantato emozionale che dilaga nelle chitarre elettriche, elementi fondamentali per creare quel muro di suono necessario per far decollare il pezzo. “Frank The Liar” è un altro episodio interessante, in cui la grinta iniziale viene subito sopraffatta da un giro di chitarra e una voce tesa a rendere più introspettivo possibile il sentimento che vuole trasmettere, ma solo finchè la potenza iniziale viene ripresa nel ritornello, che è il vero punto di decollo del brano in cui le due emozioni si intrecciano. “Deep Breath Downstairs” potrebbe entrare senza problemi nella tracklist di un telefilm per teenager, soprattutto per il suo ritornello dalla melodia strappacuore. Buona la chiusura lasciata a “Ends And Beginnings”, traccia molto aggressiva e orecchiabile – il che non fa mai male – che si discosta forse un po’ dal resto del disco, e secondo me il pezzo migliore del cd perché la band fa davvero vedere che ha gli attributi per far uscire della buona musica, anche più potente del suo solito.

“Once Upon A Time” è un disco interessante, che mette in luce caratteristiche non certo nuove ma apprezzabili da parte di questi ragazzi, con già diversa esperienza alle spalle, il che ha influito non poco sulla qualità del suono. Forse alcune tracce si differenziano poco per quanto riguarda l’originalità di alcune melodie, e su una produzione full-lenght questo si sente, ma rimane in ogni caso un buon esordio per questa band Romana che saprà come far valorizzare le sue canzoni, soprattutto da un target più giovanile.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=QheEbWb5BUk[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close