Menu

Recensioni

Margareth – Fractals

2012 - Macaco Records
rock/alternative/folk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Daylight
2. Shadows Come
3. Rosemary Calls
4. Flakes
5. Beautiful Witch
6. They Say
7. Starring at Stores
8. It Will Be Alright
9. Mind Eyes

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Al loro secondo lavoro ufficiale i Margareth si confermano una band con i confini aperti, sempre pronti a ricercare nuove prospettive e a sperimentare nuovi linguaggi sonori, creando il proprio distintivo universo musicale.

Uscito per la Macaco Records agli inizi del 2012 “Fractals” vede la produzione artistica di Giovanni Ferrario, già musicista nei Micevice e chitarrista con PJ Harvey, con gli Scisma e con i Sepiatone di Hugo Race.
L’album è stato presentato con un live a Venezia Mestre al Centro Culturale Candiani il  27 gennaio 2012 ottenendo un buon riscontro. In White Lines ci hanno proposto melodie evocative, in cui gli arpeggi di chitarra scandivano le composizioni, a scapito degli arrangiamenti elettrici.
In questo lavoro la musica varca un confine più onirico, con interessanti elementi elettronici e una vena di rock che non tradisce lo stile acustico al quale ci avevano abituati.
L’operazione di ricerca sembra essere il filo conduttore che attraversa la tracklist, ricerca di particolarità e studio del suono che non risulta mai casuale, dalle note al pianoforte di They Say ai campanacci oscuri di Mind Eyes.
Sembra di essere immersi in un sogno, in cui tutti gli elementi vissuti nella giornata si fondono a creare qualcosa di nuovo e irripetibile: il folk si fonde all’elettronica, ai movimenti psichedeci,agli arrangiamenti acustici, al rock, alle influenze beatlesiane, ai suoni dei campanelli, al progressive.
Tutto sembra realizzarsi in un mondo a sé, decontestualizzato dalla realtà, etereo.
I brani sembrano riprendere le nuvole della copertina, mutevoli e cangianti, mai uguali tra loro e con una dimensione squisitamente soggettiva che cambia a seconda di chi guarda e ogni volta che si guardano.

È un lavoro che va visto più che raccontato, che evoca immagini più che storie, quadri suggestivi ed evanescenti, pronti ad allargare il campo di visione e a particolareggiarsi.
D’altra parte cosa sono i fractals se non figure mutevoli che, contrariamente alle altre, si arricchiscono di nuovi dettagli man mano che le si ingrandisce…

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=jJU6ceYgQnA[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close