Menu

Recensioni

Yes Daddy Yes – Senza Religione

2012 - Urtovox
rock/pop/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Padrone mio
2. Seppellisci il mio osso
3. Senza religione
4. Faremo fuoco intorno
5. Peyote
6. In esilio
7. A caccia di iene
8. Chirurgo
9. Cultural crash
10. Yselac
11. Farsi il karate
12. My memory
13. Il testimone

Web

Sito Ufficiale
Facebook

C’è molto della migliore cultura musicale alternativa italiana in “Senza Religione”, esordio su lunga distanza dei cilentani Yes Daddy Yes.

Prodotto da Enzo Moretto (A Toys Orchestra) e licenziato dalla fiorentina Urtovox, “Senza Religione” è un bel saggio di rock elettrico, sincero ed istintivo, sospinto a gonfie vele lontano dal rischio del banale e del già sentito da una costante e vincente indole alla sperimentazione e al gioco, che si traduce spesso in effluvi di synth in costante dialogo con chitarre energiche e ritmiche decise. Come nell’apertura del disco, affidata a “Padrone Mio”, dramma controllato su base pianistica, o in “Faremo Fuoco Intorno”, nervoso fight club tra il senso della misura e l’esplosione quasi progressive della coda, sicuramente il pezzo migliore del lavoro.
Convincono gli Yes Daddy Yes anche quando strizzano l’occhio a sonorità power pop (“In Esilio”, “Chirurgo”) o strettamente beat (“Seppellisci Il Mio Osso”, “Peyote”) , un po’ meno quando si prova con l’inglese (“My Memory”) o si esagera in certe derive soniche (“A Caccia Di Iene”, “Farsi Il Karate”) comunque trascinanti.

La conclusiva “Il Testimone”, ballata fatta di malinconia minimale ed emozioni ben tradotte, è il colpo di coda che rende “Senza Religione” un esordio su cui contare ciecamente per il futuro: gli Yes Daddy Yes dimostrano di saper giostrare senza intoppi atmosfere diverse, coadiuvando con maturità ottime doti tecniche, ispirazione melodica e propensione allo sperimentare.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close