Menu

Recensioni

Maccabees – Given To The Wild

2012 - Fiction
art/pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Given To The Wild (Intro)
2.Child
3.Feel To Follow
4.Ayla
5.Glimmer
6.Forever I've Known
7.Heave
8.Pelican
9.Went Away
10.Go
11.Unknown
12.Slowly One
13.Grew Up At Midnight

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Sembra che il silenzio discografico di tre anni, abbia giovato alle giovani menti dei Maccabees che ricomparsi sulla scena musicale internazionale con un album straordinario. Non è un caso che NME e Clash l’abbiamo valutato con un 9/10, che il Guardian e il Times gli abbiano dato 4 stelle su 5. Cosa si può volere di più dalla vita? Una cassa di amaro Lucano, di certo, non basterebbe.

Di album del genere se ne vedono, o più propriamente, se ne sentono pochi, di questi tempi: un disco colorito, ricco d’indagine musicale e tanta psichedelia. Se dovessimo metterlo a paragone con un album italiano, di qualità simile, troveremmo difficoltà a scovare qualche perla che possa reggere il confronto. “Given To The Wild” è un disco multiforme, piacevole all’ascolto, che sa accontentare i gusti più disparati, dai più elastici ai palati sopraffini, mixando ad una tendenza particolarmente vintage, il bisogno di rinnovamento degli stili e delle strutture tipiche. Il risultato è ottimo.
Un Intro lento ed etereo e poi via con “Child” che apre le danze: forse uno dei pezzi più interessanti e impregnati di pathos musicale dell’album. “Feel To Follow” è un capolavoro: prende in prestito caratteristiche soul/R&B e le ripropone mescolate a ritmiche di chitarra veloci e ritmiche vivaci di batteria. “Forever I’ve Known” spezza, in parte, la delicatezza iniziale, proponendo un’elaborata e sapiente psichedelia, che attinge da quella dei primi Pink Floyd. E poi “Heave”: climi paradisiaci accompagnano questo pezzo in un crescendo mozzafiato. “Pelican”, 8° traccia dell’album, è un tripudio di chitarre e caleidoscopici intrecci vocali, una parata in festa, un amplesso sonoro.
Le ultime tracce rendono più spesse le trame dell’album, tramite costruzioni musicali equilibrate, ma soprattutto sensate: con le tracce finali (basti pensare a “Go” o a “Unknow”) viene accentuata la componente elettronica e sperimentale dell’album, coronata da “We Grew Up At Midnight”, che chiude in veste corale “Given To The Wild”.

“Given To The Wild” è la rivelazione di inizio anno: potrebbe benissimo, in poco tempo, diventare fonte d’ispirazione per band emergenti e non, manifesto di una nuova maniera di far musica, grazie alla sua forte inclinazione innovativa e la sua ricchezza stilistica.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=w5JYIHBCYKk&ob=av2e[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close