Menu

Recensioni

Litfiba – Grande Nazione

2012 - Sony
rock/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Fiesta tosta
2. Squalo
3. Elettrica
4. Tra me e te
5. Tutti buoni
6. Luna Dark
7. Anarcoide
8. Grande nazione
9. Brado
10. La mia valigia

Web

Sito Ufficiale
Facebook

IO NON CI SARO’ (CON TUTTO IL MIO ENTUSIASMO)
(ROB3)

Queste le parole con la quale Roberto Terzani, ex-bassista-chitarrista del gruppo di Firenze, ha liquidato la reunion della storica band italiana. Ci eravamo lasciati con il “vuoto pneumatico” di Infinito e ci si ritrova con il “nulla cosmico” di Grande nazione.

Un titolo che per ambiguità batte anche quell’Elettromacumba che rappresentò la cesura tra i vecchi Litfiba, simbolo dell’ennesima rivoluzione sociale “da tavolo” di un’Italia perennemente in crisi, e i fans storici del gruppo che salutarono l’affronto di Renzulli di portare avanti il progetto come una porcata all’ennesima potenza. Grande nazione è un’ulteriore prova di come l’orologio abbia già da tempo battuto la fatidica ora. Vi basterà premere play sulle note di Fiesta tosta e notare come la creatività del duo Pelù-Renzulli sia ormai morta e defunta e non in grado di regalarci emozioni intatte come nei bei tempi che furono ed il “bunga-bu, bunga-bu” di Pelù non vede tra i credits il giusto riconoscimento al nano di Arcore. La bontà del progetto va a farsi benedire definitivamente con il primo singolo estratto dall’album, Squalo, uno dei brani più inutili e privi di qualsiasi carattere determinante che la storia del rock italiano abbia mai prodotto. La voce di Pelù diventa la classica parodia di se stessa, tipica di chi non è in grado nemmeno di riconoscersi, di chi vive come staccato da quello che rappresentava prima per molti. Ovviamente le cose brutte nascondono una bellezza sottesa e interpretabile a piacimento ed ecco che a salvare la nave che sprofonda nell’abisso intervengono le piuttosto oscure note di Luna dark che anticipa la pr ova più mesta del disco, quell’Anarcoide che attraverso i soliti luoghi comuni da centro sociale mette in primo piano le rughe rivoluzionarie del peggior Pelù che la storia della musica ricordi. Grande nazione, a pochi giorni dalla sua uscita, è balzato immediatamente in testa alle classifiche italiane, smentendo in pieno quello che fin qui avete letto. Nonostante la siderale distanza da dischi come Spirito o Terremoto, la gente rimuove la storia e consegna ai giorni nostri la sentita mancanza del gruppo di Firenze dalle cronache musicali.

Il tour sarà sicuramente un bagno di folla e darà lo spunto per un bis (magari tra un paio di anni) che neanche vi immaginate e che chiuderà per sempre l’inutile reunion di un gruppo storicamente indimenticabile. Roberto (Terzani), se ci stai leggendo, sappi che hai tutta la nostra solidarietà!

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=cd5bEJ4qeFA[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close