Menu

Recensioni

Christian Mistress – Possession

2012 - Relapse Records
doom/heavy/metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Over And Over
2. Pentagram And Crucifix
3. Conviction
4. The Way Beyond
5. Possession
6. Black To Gold
7. There Is Nowhere 8. Haunted Hunted
9. All Abandon

Web

Sito Ufficiale
Facebook

All’ipotetico crocevia nel quale si incontrano lugubri e funeree sonorità doom, con epiche cavalcate heavy, si trovano gli americani Christian Mistress, combo guidato dalla bella e brava Christine Davis.

“Possession”, loro secondo album, pubblicato dalla sempre attenta Relapse, è un ottimo concentrato di dialoghi chitarristici in puro stile NWOBHM (primi Maiden su tutti) e rallentamenti atmosferici traditional doom, che hanno il considerevole pregio di dare profondità e tridimensionalità al sound.
L’ascolto del disco è strutturato come un rituale di magia nera, officiato il quale la realtà si distorce. Non stupisce in questo senso che le canzoni vadano allungandosi, passando dai neanche 3 minuti dell’opener “Over & Over” ai 6 munuti della conclusiva “All Abandon”.
Nel mezzo trovano spazio mid-tempo giocati essenzialmente sulle chitarre di McClain e Sparbel, che si inseguono continuamente lungo ritmiche groovy e assoli semplici ma incisivi, lasciando il giusto margine alla dinamica vocalità della Davis, che, memore delle colleghe Jex Thoth e The Devil’s Blood, segue linee melodiche con deciso retrogusto seventies.
Il risultato di questa cospicua serie di elementi stilistici, che manifesta un retroterra artistico vasto e vario, si traduce quindi in un album che gira bene, trovando il giusto mezzo fra pesantezza e melodia, dando la priorità a livello compositivo soprattutto l’istintualità e l’immediatezza.

Christian Mistress: una piacevole possessione.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=KKfp6jebxtw[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close