Menu

Recensioni

Ólafur Arnalds – Another Happy Day Ost

2012 - Erased Tapes
soundtrack

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. The Land Of Nod
2. Through The Screen
3. Before The Calm
4. Lynn's Theme
5. Alice Enters
6. The Wait
7. The Family Stroll
8. Poland
9. Out Of Sea
10. Autumn Day
11. Everything Must Change

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Dopo il suo ultimo album And they have escaped the weight of darkness, pubblicato in Europa nel 2011, il polistrumentista islandese Ólafur Arnalds ritorna a farci sognare creando la colonna sonora del film Another Happy Day.
Come fa una semplicità quasi assoluta a scatenare questo frenetico rincorrersi di sensazioni, questo moltiplicarsi inebriante di emozioni? Come possono i suoni sedimentarsi in fondo all’anima e farla risuonare e vibrare a lungo?
L’ascolto dell’album di Arnalds è come sedersi a contemplare la maestosità dell’oceano: l’inquietudine delle onde, il mistero delle profondità, il cangiare ribelle e quieto delle acque, tutto richiama il fluire della musica nella sua essenza più pura.
Sono semplici note suonate da un pianoforte, sono suoni prolungati o appena accennati (The land of the nod) capaci però di evocare immagini che si riflettono attraverso i sensi. È un’armonia che trasmette una bellezza lancinante (Through the screen);  ci si sente nudi di fronte a questa musica, spogliati di tutto quello che è superfluo, per assaporare solo l’essenziale della vita (Lynn’s theme).
C’è il rumore cangiante di un’anima che attraversa le stagioni, di un autunno che si tinge impercettibilmente di inverno, con le foglie che cadono e la pioggia che si insinua dentro. (Out to sea)
Le note costruiscono mondi: e sono mondi di accecante meraviglia; mutevoli, nelle loro sfaccettature, le note si propagano come onde, libere, eterne, pronte a riempire ogni spazio, ogni angolo, ogni recesso più nascosto (Before the calm); con un discorso a parte per Alice enters, brano che arriva in alcune zone di noi che non sono accessibili alle parole.
The wait si estende e si contrae come un’invisibile danza ad occhi chiusi; Everything must change è un crescendo ed un avanzamento, come uno sciame di luci che attraversa la notte per poi sfumare e svanire in lontananza.
A family stroll è un movimento malinconico che si appoggia dentro senza lasciare scampo; è bello perdersi e ritrovarsi fra le note di Autumn day sino a lasciarsi avvolgere ed inebriare da esse.
Poland è quasi un velo di speranza che si allunga sui sensi…e lasciamoci dunque respirare dentro questa costante meraviglia che è Another Happy Day.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=K4iUR2lyiko[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close