Menu

Recensioni

Diablo Swing Orchestra – Pandora’s Pinata

2012 - Candlelight
metal/avantgarde

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Voodoo Mon Amour
2. Guerilla Laments
3. Kevlar Sweethearts
4. How to Organize A Lynch Mob
5. Black Box Messiah
6. Exit Strategy of a Wrecking Ball
7. Aurora
8. Mass Rapture
9. Honey Trap Aftermath
10. Of Kali Ma Calibre
11. Justice For Saint Mary

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Non so voi, ma a me gli svedesi sono sempre stati simpatici: ragazze bionde e bellissime, un elevatissimo tasso di suicidi, metal a profusione. E un sacco di gruppi notevoli, dagli Abba ai Refused, dagli Europe ai Millencolin. The Hives, Meshuggah, Koop, Royal Republic, e potrei andare avanti un sacco.

Anche gli otto elementi della Diablo Swing Orchestra sono svedesi, e pare che stiano cercando di unire tutta questa etereogeneità musicale in un disco solo. L’organico è: una voce femminile, due chitarre di cui una è anche voce maschile, basso e batteria a cui si aggiungono un violoncello, tromba e trombone.
Il genere di riferimento è quello dell’avantgarde metal, ma è solo il substrato a cui aggiungono incursioni nel cabaret, nella samba, qualche parte di lirismo, funk, charleston e boh, mille altre cose. Immaginatevi un metallaro tossico di eroina che collabora con l’arrangiatore di Michael Bublè strafatto di coca. Entrambi presi molto bene e il risultato è veramente divertente e fresco. Ah, e c’è anche un batterista decisamente ipertrofico .
Secondo i DSO il nome deriva da una omonima orschestra vissuta alla fine del 1500, i cui componenti furono perseguitati e uccisi perchè suonavano musica non gradita alla chiesa. Ma subito prima del loro martirio strinsero un patto stabilendo che 500 anni dopo dei loro discendenti avrebbero rifondato l’orchestra. E infatti eccoli qua. L’ironia come vedete è ovunque e si trova anche nel titolo del disco, dove il contenitore di tutti i mali del mondo non è più il classico vaso, ma una pignatta che possiamo spaccare allegramente divertendoci.

Non so, se quest’anno c’è davvero la fine del mondo e facciamo un party la sera prima io li vorrei assolutamente come colonna sonora.
Ascoltatevi il primo singolo: Voodoo Mon Amour, un mash-up ispirato al broadway jazz

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=m2mZVOd0jWY[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close