Menu

Recensioni

Mariposa – Semmai Semiplaya

2012 - Trovarobato
pop/indie

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Pterodactyls
2. Tre mosse
3. Pompelmo rosa
4. Frustalo
5. Chambre
6. Specchio
7. Pterodattili

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Non stiamo parlando di un gruppo al suo primo lavoro: i Mariposa hanno alle spalle 12 anni di attività e ben 11 lavori.

Sono una band dalle mille sfaccettature ma dal sound chiaro e riconoscibile: si muovono tra la psichedelia colorata da romantiche venature poetiche al rock intarsiato da fioriture elettroniche ragguardevoli.
“Semmai Semiplaya” è il loro nuovo lavoro e li conferma eclettici: Enrico Gabrielli, Gianluca Giusti, Michele Orvieti, Valerio Canè, Rocco Marchi ed Enzo Cimino si reinventano rileggendo alcuni storici brani del loro repertorio con il carisma sensuale e deciso della nuova cantante Serena Alessandra Altavilla dei Baby Blue. L’ impressione che si ha ascoltandola è che abbia sempre fatto parte di questo gruppo.
“La Playa” riporta ad un set acustico o comunque a “strumenti” facilmente trasportabili come le batterie elettroniche casio e come l’iPhone che i Mariposa trasformano in veri e propri strumenti musicali.
La spiaggia ci aspetta quindi con il suo sole e il suo gusto fresco ed è questo che i Mariposa ci regalano in questo Ep di 7 brani, tra i quali “Frustalo” una divertente e spensierata versione di “Whip It” dei Devo in italiano.
In “Pterodactyls”, brano di apertura e versione inglese di Pterodattili, già presente nel precedente disco, emerge con chiarezza la rivisitazione del brano e il voler guardare le cose da un’altra prospettiva: la voce di Serena ci regala proprio un “new-look” innovativo e piacevole a questo brano.
“Tre mosse” risulta più fresca con gli innesti elettronici e i fiati sacrificati nel primo brano; anche “Pompelmo rosa” acquista un’altra luce, più impalpabile.
“Specchio” e “Chambre” sono i brani che convincono meno ma nascono dalla voglia di sperimentare raggiungendo un risultato ragguardevole.
A chiudere il cerchio “Pterodattili” che risente un po’ la perdita della parte finale dei fiati di Enrico Gabrielli.

Anche questa volta i Mariposa hanno fatto un buon lavoro: l’innesto  della Altavilla ha prodotto una bella fioritura.
Attendiamo il raccolto.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close