Menu

Recensioni

Verbal – Verbal

2012 - Neverlab
post/math/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Double D Marvin
2. Kaspar Hauser
3. Coronado
4. Orwell
5. Benny Hill (Hates Sports)
6. Kobayashi

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Coraggioso questo esordio dei Verbal, quintetto italiano di giovani musicisti bergamaschi (per una volta facciamo i nomi: Gregorio Conti, Isaia Invernizzi, Marco Parimbelli, Sebastiano Ruggeri, Marco Torriani) dedito ad una forma aggressiva e non scontata di post rock mutante.

Perché usiamo l’aggettivo mutante? Il motivo è semplice: ascoltando questi 6 brani (intitolati ciascuno con un cognome, famoso o meno) si avverte chiaramente l’intento della band, che è quello di non fornire punti di riferimento che non siano, a grandi linee, quelli di un post rock chicagoano nelle intenzioni – vengono in mente soprattutto quei trattori dei Trans Am – che però si tramuta ben presto in forme di math rock bello spesso, in riferimenti al kraut rock più rumoroso, in innesti di noise frantumante e parecchio brutalizzato (le voci trattate ed alterate che diventano un tutt’uno con gli strumenti nel finale caotico di “Kaspar Hauser”). Insomma, la musica proposta dalla band non è sicuramente di facile assimilazione: completamente strumentali (a parte l’uso delle voci di cui si parlava poc’anzi) le tracce vivono di strappi ed attacchi all’arma bianca inframezzati da parti che richiedono l’uso di dilatazioni e spazi sonori più ampi (“Coronado”, la suggestiva “Kobayashi”). Quando le ritmiche sincopate tendono al marziale è come assistere ad un brutale crash tra i Don Caballero e gli Helmet degli esordi (“Orwell”, forse il brano più riuscito).

Per gli amanti del genere un disco che merita sicuramente più di un ascolto.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=QpCKnjekgZ8[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close