Menu

Recensioni

Japandroids – Celebration Rock

2012 - Polyvinyl
post/punk/noise

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. The Nights Of Wine And Roses
2. Fire’s Away
3. Evil’s Sway
4. For The Love Of Ivy
5. Adrenaline Nightshift
6. Younger Us
7. The House That Heaven Built
8. Continuous Thunder

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Canada. Sarà stata l’aria fresca dei boschi o la verginità dei laghi di montagna ad aver trasformato uno dei più sperduti Paesi del mondo in una culla per giovani talenti indipendenti?

Negli ultimi anni il Canada ha assistito in pieno rumore a una vera e propria rivoluzione musicale: le sue chitarre sono state sbattute e le sue birre bevute da nuovi Mozart con camicie a scacchi che, disco dopo disco, hanno inventato nuovi generi, abbattuto dogmi sonori e portato fortuna a tante etichette. E non è quindi un caso se nel 2012 ti capita tra le mani un disco come questo proveniente da quel luogo lontano, nero come la pece e con due giovanotti in copertina: Celebration Rock (Polyvinyl Records). Con la terza produzione, lontano soltanto tre anni da quell’esordiente Post Nothing (Polyvinyl Records) che aveva urlato al mondo il loro nome a suon di power chords e toms fulminanti, i Japandroids tornano. E sono monumentali. La band a due pezzi composta da Brian King e David Prawse, come si dice da queste parti, ha davvero fatto il botto stavolta. Celebration Rock è energia pura, sono otto tracce che ridefiniscono i contorni del noise rock e spazzano via il punk moderno, assumendosene pienamente l’eredità. La batteria è un reattore nucleare e le atmosfere sono quelle giuste per permettere alle distorsioni di graffiarti le orecchie e di scavarti le vene. Prendete la furia omicida degli AIDS Wolf e mescolatela sapientemente con gli esordi melodici dei Titus Andronicus, otterrete Fire’s Highway: una hit da marciapiede. Il rock sporco e violento è facile da trovare, scorrete appena nove minuti del disco e troverete Evil’s Way. Ascoltando For The Love Of Ivy, cover dei The Gun Club, affogherete nel punk americano vecchia scuola, commovente.
Se invece volete sapere quanto bene ha fatto a questi due ragazzi saltare la scuola per andare a suonare nel garage di papà allora ascoltate Younger Us.

Celebration Rock ha la stoffa giusta per essere un disco di culto tra dieci anni. Goditi pure questo, fottuto Canada.

Focus On: Fire’s Highway, For The Love Of Ivy, Younger Us

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ixOKfFFchw4[/youtube]

 

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close