Menu

Recensioni

Father Murphy – Anyway, Your Children Will Deny It

2012 - Aagoo Records
post/rock/folk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. How We Ended Up With Feelings Of Guilt
2. His Face Showed No Disortions
3. It Is Funny, It Is Restful Both Came Quickly
4. Diggin' The Bottom Of The Hollow
5. In Praise Of Our Doubts
6. Their Consciousness
7. In The Flood With The Flood
8. Don't Let Yourself Be Hurt This Time

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Registrato con maestria e mixato da Greg Saunier dei Deerhoof, “Anyway, your children will deny it” potrebbe essere il disco della consacrazione definitiva per i Father Murphy: torbido, fascinoso, inquietante quanto basta per ammaliare ascolto dopo ascolto.

Il trio trevigiano stavolta si è addentrato in territori estremi e desolanti, tra atmosfere funeree, sensazioni disturbanti ed episodi lancinanti come coltelli che si infliggono morbidamente tra le carni, al limite dello strazio.
La prima sensazione che si ha nell’approcciarsi a tale oscuro delirio sonoro è un rigetto immediato, la voglia di schivare i colpi che sopraggiungono violentissimi traccia dopo traccia è istintiva, così come l’oscuro fascino sprigionato da alcuni episodi, inquieti e sorprendentemente morbosi.
La forza dei Father Murphy sta tutta in un sound originale, impossibile da catalogare, tra deliri noise che tentano di congiungersi con una possibile forma di pop, tempeste industrial su un desolante tappeto black-metal e continue folate di psichedelica.
L’iniziale “How we ended up with feeling of Guilt” introduce l’inquietante impasto sonoro esaltando la cantilena desolante di Reverend Freddie, “It is funny, it is restful, both came quickly” frastorna e crea sgomento con la sua mitragliatrice industrial  e le sue lancinanti grida finali, “Their consciousness” sconsolante marcia funebre, apre la strada all’epica e morbosa “In the flood, with the flood”, episodio di spicco dell’intero album (da vedere e rivedere il video).

Non chiedete ai Father Murphy di suonare al vostro funerale: l’anima si potrebbe ribellare al trapasso col serio rischio di ritrovarsi, fantasmi di se stessi, a brancolare nuovamente tra le italiche lande, tra sole, mafia, pizze, mandolini e…avant-folk-doom-industrial sound.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close