Menu

Recensioni

Thank U For Smoking – Dopo La Quiete

2012 - Autoproduzione
rock/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Preludio
2. Al risveglio, com'è reale l'iride.
3. Dopo La Quiete, il nulla.
4. Delitto
5. Il ponte di Einstein-Rosen
6. Corrotto, Mistico, Complice
7. Duhkha
8. Fantasmi
9. Dedica In Lacrime

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Scelgono un progetto ambiziosissimo i Thank U For Smoking per cercare di uscire dalla loro terra di origine, la Sardegna, non certo la culla storica della scena alternativa italiana. Il loro disco di debutto “Dopo La Quiete” è infatti accompagnato da un suggestivo dvd che in 20 minuti di immagini mozzafiato si prende la briga di sonorizzare con un’unica suite strumentale un documentario girato tra le lande più sperdute di un’isola dall’altra parte del continente, l’Islanda.

Ma non è solo questa scelta coraggiosa a decretare le sorti vittoriose del trio sardo: “Dopo La Quiete” è infatti un bell’esempio di come in certo rock alternativo non si debba per forza finire a stagnare in una palude di citazioni e timidi revisionismi.
Dieci pezzi nervosi, sempre in bilico tra l’urgenza rabbiosa di chi ha qualcosa di gridare e la sorprendente cura nel tessere trame mai banali, quasi a voler spiattellare fin da subito tutti gli ingredienti a disposizione: primordi grunge, stoccate punk, derive doom, pennellate post-rock e riflessioni ambient. I Thank U For Smoking riescono giocare sapientemente con ognuno di essi plasmando un lavoro completo e maturo nella forma e nelle intenzioni e che sarebbe perfino perfetto se non fosse per qualche passaggio incerto (“Duhkha”) che non intacca certo la sorprendente incisività delle composizioni migliori (“Delitto”, “Corrotto, Mistico, Complice”) su cui spicca sia la versatilità delle chitarre, ora in grido di definire con metodo ora in grado di squarciare senza freni, sia la bella voce di Aurora Atzeni, coronamento efficace delle geometrie della band.

Non immediato, e per questo ancora più ipnotico e affascinante, “Dopo La Quiete” suona come un modo bellissimo per affacciarsi su di un mondo che di dischi così ha un gran bisogno.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=UyhwfRCsh8k[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close