Menu

Recensioni

Serj Tankian – Harakiri

2012 - Serjical Strike Records
rock/progressive

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Cornucopia
2.Figure It Out
3.Ching Chime
4.Butterfly
5.Harakiri
6.Occupied Tears
7.Deafening Silence
8.Forget Me Knot
9.Reality TV
10.Uneducated Democracy
11.Weave On

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Pubblicato il 10 luglio 2012 per la Serjical Strike Records (sua propria etichetta creata al fine di per dare spazio a sonorità o generi musicali meno popolari), “Harakiri” è il terzo album solista di Serj Tankian.

Quest’ultimo, musicista e produttore discografico armeno, noto ai più per essere il leader dei System Of A Down, dopo un periodo nel quale si è dedicato alle più svariate attività (ad esempio, ha lavorato ad un musical “Prometheus Bound” e ha scritto la sua seconda raccolta di poesie, “Glaring Through Oblivion”), presenta il suo nuovo lavoro non come una mera raccolta di canzoni, ma come un misto di sound innovativi e al di sopra di ogni aspettativa., arricchiti da idee tutt’altro che scontate (le quali contraddistinguono i suoi album).
Fin dal titolo, vi è una sorta di trasfigurazione nell’esegesi della parola “Harakiri”: il rito per il suicidio dei samurai viene interpretato come un riferimento a “ciò che stiamo facendo al nostro pianeta, perché ciò che stiamo facendo ad esso sta uccidendo anche noi” (come ha dichiarato lo stesso Serj.
L’argomento principale dell’album è dunque il ruolo dell’uomo contemporaneo all’interno della società odierna e il mondo che lo circonda: parla quindi dell’ambiente. della politica e dell’ecologia, puntando il dito contro chi viola e inquina senza criterio.
Al contrario del precedente “Imperfect Harmonies”, Serj abbandona sonorità “dolci” a favore di una strada maggiormente rock e a tratti progressive: non è semplice definire il genere di quest’album, nel quale si susseguono armonie punk, metal (in puro stile System Of A Down) per poi affrontare in ritmiche orientaleggianti.
Inoltre il CD è caratterizzato da una singolare scelta, la quale lo discosta dai precedenti album, ma anche dalla maggioranza di dischi esistenti : per la composizione di tre tracce è stato usato un iPad. Tankian ha spiegato tale decisione sostenendo che “Dobbiamo indurre noi stessi a comporre in modi differenti per ottenere risultati inaspettati.”
Ogni brano rappresenta una sorta di racconto a parte, che ha un inizio e una conclusione, ciascuno inerente al tema del'”harakiri” etico/sociale che giorno per giorno l’uomo compie.
La title track, “Harakiri”, struggente e inquieta, riguarda la moria di uccelli e pesci (“nati per morire”,come recita la canzone) del gennaio 2011 e rappresenta la punta di diamante dell’intero CD: caratterizzata da una rara intensità, trova nella voce di Tankian il migliore interprete per un testo così semplice e significativo.
Non c’è un brano che non sia ricco di pathos e di spessore melodico, ma è da menzionare il secondo miglior brano dell’album: “Reality TV”, ritratto crudo di ciò che i media ci hanno reso, dà spazio all’eclettismo di Serj che passa da una tonalità all’altra con fermezza e bravura, spaziando in effusioni strumentali di qualità.

In definitiva, “Harakiri” è sicuramente un “must-have” , un album che dimostra libertà di espressione creativa, oltre che intelligenza: non credo sia possibile quantificare l’importanza di questo lavoro all’interno della scena musicale e culturale odierna, sia per la sperimentazione musicale che c’è dietro che per la ricchezza di contenuti e dunque credo sia necessario plaudire a un lavoro coraggioso e curato come questo.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=PQtRXqBQETA[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close