Menu

Recensioni

Tame Impala – Lonerism

2012 - Modular
psych/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Be Above It
2. Endors Toi
3. Apocalypse Dreams
4. Mind Mischief
5. Music to Walk Home By
6. Why Won’t They Talk to Me?
7. Feels Like We Only Go Backwards
8. Keep on Lying
9. Elephant
10. She Just Won’t Believe Me
11. Nothing That Has Happened So Far Has Been Anything We Could Control
12. Sun’s Coming Up (Lambingtons)

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Partiamo da uno stralcio dell’intervista fatta a Kevin Parker da Spin:
Voglio che le canzoni diano la sensazione di onde che ti colpiscono, piuttosto che quella di nuotare in un oceano di melodia. Capisci cosa voglio dire?

EH?
Sinceramente mi sono sempre immaginato i Tame Impala come 4 australiani che si fumavano i bong sulla spiaggia, invece di fare surf e rimorchiare.
Ma adesso?
Dai, cosa ci vuoi dire Kevin? Sei da ricoverare? Il successo ti ha dato alla testa?
Ecco, diciamo che dopo aver letto quest’intervista ero molto diffidente riguardo al secondo lavoro dei Tame Impala: ”Lonerism”, successore del buon “Innerspeaker”.
Bando alle ciance, metto su il disco e parte “Be Above It”:
“Gotta Be Above It
Gotta Be Above It
Gotta Be Above It“[..]

Atmosfera tesissima, quasi claustrofobica, enfatizzata da qualche pennellata psych.
E’ la presa di consapevolezza della band, sa che il secondo disco è una delle prove più difficili che un artista possa affrontare, quindi è cosciente del “Gotta Be Above It”. (“starci sopra”).
Si passa ad “Endors Toi”, ovvero l’invito di Kevin ad addormentarsi, a rilassarsi, a farsi coinvolgere totalmente dai suoni dei 4 australiani.
Proprio quando Parker ci tende la mano per cullarci con la sua musica, parte il terzo pezzo: una bomba.
“Apocalypse Dream”
Il sogno si è creato. Tastiera e batteria incalzano il ritmo e la stanza si dipinge di colori.
Io, per esempio, mi sono sentito catapultare negli anni ’70 in una e vera propria Woodstock millecolori, ma con le tavole da surf.
Dopo “l’apocalisse”, il disco procede con “Mind Mischief”, “Why Won’t They Talk Me?”,
e “Keep on Lying”, canzoni che contribuiscono a rendere sempre più reale il nostro sogno, il nostro quadro allucinogeno.
Poi viene “Elephant”, un blues che ti fa risvegliare, ti fa alzare e ti fa venire voglia di ballare, come se “avessi un bel culone grigio elefante di cui vantartene” (CIT.).

Altre due canzoni ed ecco a voi “Sun’s Coming Up”, La traccia che esce dagli schemi di “Lonerism”, solo piano e voce, il sole sorge, noi ci svegliamo da questo magnifico sogno e cosa sentiamo??
Le onde.
Le onde del mare che vibrano sulla pelle.
Kevin, magari, alla lunga il sound di questo disco può risultare un po’ ripetitivo, ma questa volta hai vinto tu.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=49_f4lWOeFE[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close